Problemi con la perdita di capelli? ecco alcune informazioni per la salute dei tuoi capelli

0
Capelli,Fonte Foto: Google
Capelli,Fonte Foto: Google

La perdita di capelli è fisiologica. Infatti, noi perdiamo un massimo di 1000 capelli al giorno per le chiome più folte. Questo dipende dalla durata del ciclo di vita dei nostri capelli.

Se l’anomala perdita di capelli persiste nel tempo, e si inizia a notare il diradamento dei capelli, significa che siamo in presenza di un’alterazione del ciclo di ricrescita dei capelli.

Sulla nostra testa risiedono circa 100 mila follicoli. Ogni follicolo ospita una media di 2/3 capelli a seconda di quanto della capigliatura.

Un caduta di capelli anomala è causata anche da un evento stressante psichico o fisico. Fenomeno che colpisce soprattutto la donna. La caduta, va a interessare tutto il cuoio capelluto. I capelli che cadono ricrescono quando il fenomeno termina. Ma se la caduta è significativa può provocare capelli visibilmente diradati.

La febbre può portare a un aumento della caduta dei capelli 8-10 settimane dopo la sintomatologia. La febbre va  a interferire con la capacità di replicazione delle cellule della matrice dei follicoli impedendogli di proliferare normalmente.

Dopo il parto la caduta aumenta perché ci sono molti più capelli in fase telogen, cioè la fase in cui il capello è pronto a cadere. Il fenomeno continuerà per diversi mesi e potrà essere anche più intenso in presenza di fattori aggravanti quali il trauma post-parto, perdite di sangue e diminuzione dei livelli proteici del plasma. Il completo recupero avviene in 4-12 mesi.

Si ritiene che il 30% delle donne che perdono i capelli prima dei 50 anni sia dovuto a carenze alimentari di vario genere. Queste favoriscono l’indebolimento e la persistente caduta dei capelli.

La scelta di ridurre drasticamente la propria dieta alimentare soprattutto nelle giovani donne non è insolita. Con un regime alimentare diverso, solitamente non si va ad assumere la giusta dose di vitamine e proteine e questo si ripercuote sul capello.

Effettuare molti lavaggi alla settimana non aiuta il cuoio capelluto. L’uso degli shampoo commerciali non fanno altro che danneggiare il nostro capello. Il consiglio di molti tricologi è quello di usare uno shampoo neutro.

Il ciclo di vita dei capelli è costituito da tre fasi (anagen, catagen, telogen). Questo ciclo si ripete in ogni follico pilifero. Il taglio o la rasatura dei capelli non ha alcuna influenza sulla loro caduta o ricrescita.

Per evitare di rimanere calvi, la cosa saggia da fare è quella di fare una visita tricologica.