Psicologi: una FESTA la loro data Milanese al Carroponte

0
Fonte: immagine autorizzata alla pubblicazione. Credit: Denise Ticozzi

“Guerra e Pace” ieri al concerto degli Psicologi per la loro seconda data del tour, al Carroponte di Milano. Una collaborazione nata anni fa sul web che ora si classifica tra i miglior progetti musicali della generazione “post millennials”. Drast (Marco De Cesaris) e Kaneki (Alessio Akira Aresu) raccontano la complessità del mondo che hanno intorno con verità e intelligenza compositiva, unendo flussi di coscienza pop-rap.

Pubblico variegato ieri a Milano, tra adolescenti e adulti, riuniti per celebrare l’uscita del loro ultimo album “Trauma”, il racconto personale della realtà degli ultimi due anni attraverso il punto di vista di una nuova generazione.

Il concerto inizia poco dopo le 21 con la giusta carica, sulle note di “Pagine”, “Sto bene” e “Festa”. Doppia festa con il primo ospite della serata, la loro compagna di avventura, l’attesissima, Ariete. I tre infatti collaborano sempre nei progetti in maniera reciproca. Cantano “UMORE”, il nuovo singolo in rotazione, estratto dall’ultimo album degli Psicologi.

I due giovanissimi ripercorrono la loro breve ma intensa carriera musicale da brani contenuti nel loro primo doppio EP 2001 + 1002 come “Futuro”, “Diploma”, “autostima”, “Stanotte” e “Festa”

Fonte: immagine autorizzata alla pubblicazione da ufficio stampa: Words for You

Si alternano poi brani estratti dal loro primo disco d’esordio Millennium Bug (aprile 2021) “Spensieratezza”, “Fantasma” e canzoni, di più recente data, contenute in Trauma il loro nuovo album uscito il 28 aprile scorso “1312”, “Mille spine”, “Fiori morti” e la ormai virale “Sui muri”.

“Abbiamo 21 anni siamo passati troppo in fretta dallo stare là sotto allo stare qua sopra”; gli Psicologi emozionati ringraziano il loro pubblico e  la loro band formata da Winnie de Puta alla chitarra, Golden Years alle tastiere, Giovanni al basso e Alberto alla batteria.

Dopo “Alessandra” scendono dal palco e risalgono per la chiusa finale con “Tatuaggi” accompagnati da Ariete, ballano “NLFP”, “Sui muri” “Diploma”. Una festa generazionale, senza filtri che celebra le libertà, le sofferenze, le gioie e i drammi di una generazione che cerca ogni giorno di restare a galla.