Pulizia delle spiagge: “Coinvolgiamo i percettori di reddito di cittadinanza”

L'assessore Stefano Gnutti propone una soluzione per pulire efficacemente le spiagge, coinvolgere i percettori di reddito di cittadinanza.

0
Figliuolo sulle vacanze, Pulizia delle spiagge, Italia gialla e bianca, Pregliasco ottimista, Estate 2020, Intervista a Paolo Ascierto
Spiaggia

Con l’estate sempre più vicina e la riapertura di molte regioni, la pulizia delle spiagge è ormai un imperativo. Questo secondo l’assessore ai servizi sociali di Bordighera, in provincia di Imperia, Stefano Gnutti. Inoltre espone anche una proposta per rimediare alla mancanza di personale, impiegare beneficiari dei reddito di cittadinanza.

L’IDEA DI GNUTTI – Una proposta, quella dell’assessore, interessante che potrebbe aiutare entrambe le parti. Sia chi è alla ricerca di un’occupazione, almeno momentanea, che il comune. Infatti Gnutti afferma che: «Incrementando il personale a disposizione garantiremo che il litorale sia costantemente tenuto in ordine. Le spiagge sono il nostro biglietto da visita».

Una dichiarazione preventiva rispetto al via vai di turisti che spesso e volentieri abbandonano i loro rifiuti in giro. Cosa che non facilita per niente le operazioni di smistamento e di pulizia dell’ambiente circostante, tra cui le spiagge.

BOTTIGLIE, CARTACCE E LATTINE – Purtroppo Bordighera sembra essere vittima di un  numero eccessivo di spazzatura. Un numero che neanche la società di servizi per l’ambiente, Docks Lanterna, riesce a controllare. In tal senso, l’assessore ribadisce che: «Il litorale non deve diventare ricettacolo di immondizia – e questo appunto – nonostante l’impegno della Docks».

«Ogni estate – conclude Gnutti – sul litorale spesso si ritrovano bottiglie di plastica e di vetro, oltre che cartacce e lattine. Da qui la necessità del Comune di potenziare ulteriormente il personale a disposizione destinato alla pulizia delle spiagge».