Quando riapre il campionato? Lunedì la seduta di Lega (in videoconferenza) per decidere le sorti della A

0
de siervo lega
Fonte foto: flicrk.com - Daniele Febei Segui

La Serie A e le sue sorti sono a un punto morto. Le gare sono sospese fino al 3 di aprile  e molte squadre hanno fissato per la prossima settimana la ripresa degli allenamenti, tuttavia ancora nulla pare essere deciso circa la riapertura del campionato e sulle modalità di accesso agli stadi.

In tanti tra giocatori, dirigenti e addetti ai lavori si stanno chiedendo come la nostra malconcia Serie A potrà ricominciare e portare a termine uno tra i campionati più discussi di sempre. La lentezza nelle decisioni e l’inutile polemica tra le parti che ne ha determinato prima alcuni rinvii e poi la sospensione dei match non ha fatto che acuire la tensione già presente tra i club della Lega. Si spera che con il summit di lunedì tutto questo baillame possa trovare finalmente una degna conclusione.

Il convegno, rigorosamente in via telematica, stabilirà quando e come la Serie A potrà riportare in campo i team per le ultime 12/13 giornate. Intanto qualcuno già azzarda le prime ipotesi sulle date utili per il ritorno in campo anche senza la presenza del pubblico sugli spalti.

La Repubblica si lancia in supposizioni che, se confermate, porterebbero a pensare che i giochi potrebbero ripartire attorno al due maggio, ovviamente a porte chiuse, per poi terminare il 30 giugno, sperabilmente senza restrizioni sul pubblico. L’idea è di allungare il periodo di quarantena delle squadre che potranno ritrovarsi nei rispettivi centri sportivi per i giorni che seguono la Pasqua.

Le decisioni però sono ancora ben lungi dall’essere prese. Sicuramente lunedì mattina, dalle 10 in poi gli occhi e le orecchie di tutta l’Italia del calcio saranno puntate verso la sede della Lega da cui scopriremo la verità.