Quell’esultanza di De Rossi è costata cara: interviene la Procura Federale!

0

Roma obbligata al riscatto. La trasferta di Palermo di domenica servirà a testare la reazione dei giallorossi dopo la pessima figura in Bielorussia. Garcia rischia parecchio e la sua posizione sarà valutata nelle prossime partite, tanto è vero che cominciano a farsi già i primi nomi per la sua sostituzione. Intanto, arriva una doccia gelata anche fuori dal campo e, nello specifico, colpisce uno dei suoi uomini e giocatori più rappresentativi: Daniele De Rossi. La Procura della Figc ha, infatti, deferito Daniele De Rossi per “l’esultanza considerata platealmente offensiva” al termine del derby di ritorno con la Lazio dello scorso maggio. Come si legge nella nota della Procura, De Rossi ha indicato “con entrambe le mani le sue parti basse e successivamente, con le braccia sollevate in alto, entrambe le dita medie delle mani” nei confronti della tifoseria laziale. Un gesto che non è passato inosservato al Procuratore federale, Stefano Palazzi, che lo ha giudicato come un atteggiamento “offensivo e di scherno, manifestazioni idonee a costituire incitamento alla violenza”. Deferita per responsabilità oggettiva anche la Roma. I guai non sono soltanto in campo, dunque. C’è bisogno anche del miglior De Rossi, apparso piuttosto appannato e fuori forma nelle ultime partite, forse anche un po’ nervoso.