Recensione Dynasty 1×03- “Guilt is for Insecure People”: I Carrington creano dipendenza

0
Dynasty, Carrington, Fonte Foto: Google
Dynasty, Carrington, Fonte Foto: Google

Una nuova puntata di Dynasty è andata in onda Mercoledì scorso. Ricordiamo che la serie viene trasmessa su Netflix anche in Italia, il giorno dopo dalla messa in onda statunitense. I carrington anche questa settimana hanno creato la loro dose di dipendenza.

Nella scorsa puntata, l’episodio era terminato con l’arresto di Steven, il figlio di Blake Carrington. Il nuovo e terzo episodio del reboot della serie, ci mette al corrente che Steven è uscito di galera su cauzione.

Il figlio gay di Blake, però è sempre sotto indagine e deve dimostrare la sua innocenza fornendo un alibi all’FBI. Ma fornire il vero alibi alla polizia sembra diventare un po’ complicato.

Sam o anche detto Sammy Joe, il nipote gay di Cristal, non può testimoniare a suo favore. Ha infatti un passato turbolento, che finirebbe solo per compromettere il povero Steven in tribunale.

La puntata continua con l’organizzazione del “Gala annuale dei Carrington“, una festa in tema anni ’80. La fondazione Carrington, ogni anno, organizza un party per raccogliere soldi per i bambini meno fortunati.

Quest’anno, come ogni anno del resto, i Carrington mettono all’asta un gioiello indossato dalla signora Carrington. Fallon l’ha sempre indossato lei da quando la madre ha lasciato la villa.

Però a guastare nuovamente i suoi piani, ci pensa Cristal. La nuova signora Carrington, sceglie una collana molto costosa e la indossa elegantemente sotto gli occhi vigili e famelici di Fallon.

I guai in casa Carrington, però non finiscono.

Sembrerebbe che la rivalità tra Fallon e suo padre non voglia spegnersi. Dopo aver lasciato suo figlio in balia dei giornalisti. Papà Carrington toglie il cognome a Fallon. Considerandolo come un marchio, perché ritiene che la figlia non ne stia facendo buon uso. La querela del padre manda in bestia Fallon, che comincia a tramare alle spalle del padre. La ragazza cerca di accalappiarsi alcuni soci per la costruzione del suo impero.

Oltre un acceso dibattito con tanto di rissa tra Blake e Colby, a tenere banco in quest’episodio: è il mistero sulla vera identità di Cristal. La ragazza è tenuta in pugno dal maggiordomo che conosce i retroscena inquietanti della nuova signora Carrington.

Nell’episodio Sam chiede aiuto a sua zia, dopo una scombussolata telefonata con la madre. A quanto pare, la sorella di Cristal è nei guai. Alla donna serve una pesante somma di denaro.

In un flashback, scopriamo che le due sorelle progettavano di scappare insieme dal loro Paese per rifugiarsi in America. Però, quando dovevano passare la frontiera, la sorella e il piccolo Sam non si sono presentati e Cristal è partita sola.

In questo terzo episodio, scopriamo anche che Cristal per portare a termine il suo piano ha dovuto rubare dei soldi.

Ma ritorniamo allo spietato Blake, come abbiamo compreso in questi pochi episodi, quest’uomo non ha una coscienza. Con un gioco di parole, raggira suo figlio, e in qualche modo anche sua figlia.

Ciò che sconvolge, però è l’animo subdolo del re di casa Carrington. L’uomo possiede il telefono di Matthew e lo custodisce gelosamente, perché contiene numerose prove dei suoi misfatti. Il suo alleato servo, il maggiordomo, lo spalleggia custodendone molti segreti.

Sam, riesce ad aiutare sua madre senza l’aiuto di Cristal. Il ragazzo ruba in casa Carrington, e prende dal cassetto di Blake il cellulare di Matthew. L’episodio termina con un Blake preoccupato per la scomparsa del cellulare.

Come detto in precedenza, questa serie TV mi ha rapito. Sarà lo stile recuperato da Gossip Girl, saranno gli intrighi e le numerose bugie?

Quello che abbiamo capito finora di questa serie è che alla base ci sono le bugie. Tutto ruota su questo, non si sa mai chi dice la verità.

Per saperne ancora sui Carrington non ci resta che aspettare il nuovo episodio.

ALLA PROSSIMA RECENSIONE!