Recensione: Once Upon a Time 7×05- ”Greenbacks”

0
Once Upon a Time, Fonte Foto: Youtube
Once Upon a Time, Fonte Foto: You Tube

Venerdì è andato in onda sulla rete ABC negli Stati Uniti, il quinto episodio della settima stagione di Once Upon a Time.

Tiara, Fonte Foto: Screenshot
Tiara, Fonte Foto: Screenshot

L’episodio ha visto come protagonista la storia di Tiana, come accade spesso, la storia è stata rivisitata dagli autori. Tiana viene descritta come una principessa in rovina. Sua madre e lei dalla morte del padre sono cadute in disgrazia, e per non perdere il castello devono vendere gli oggetti di valore.

Tiara vuole riportare alla luce i pezzi del suo regno, così va dal Dottor Facilier per un aiuto. Lui la inganna per il suo tornaconto. La principessa crede alle sue frottole, e ignara del pericolo va incontro a un uomo.

L’uomo, secondo Facilier è il suo vero amore. Ma presto, la principessa scopre che è tutta una menzogna. Affronta così il D.tt Facilier e per ora riesce a sbarazzarsene. Così, Tiara riesce ad aiutare anche il suo falso vero amore. Il quale è un ranocchio trasformato in uomo.

Il vero colpo di scena è che, la principessa così facendo comprende che non ha bisogno di nessun principe per ottenere ciò che vuole. Poiché ha ereditato da suo padre, il suo spirito guerriero.

Nel presente, invece…

Tiara alias Sabine deve fare i conti con la matrigna di Cenerentola. Sabine viene descritta come una persona che crede nel futuro. Questo suo lato speranzoso aiuta Lucy e la stessa Jacinda, la quale sappiamo che è molto scettica.

La matrigna vuole a tutti i costi rovinare la vita di Lucy e tramite consigli della strega che tiene rinchiusa in cella, decide di farlo dalle radici.

Victoria aumenta l’affitto della casa in cui vivono: Lucy, Jacinda e Sabine. Ma la sognatrice(Sabine) ha un asso nella manica. Con scarsa fiducia della sua coinquilina, decide di far vedere a Victoria che loro possono farcela.

Così danno il via alla vendita di frittelle, specialità di Sabine. Ma quando sembra che le cose stiano andando nella giusta direzione arriva Victoria.

La matrigna ingaggia Ralph, l’uomo brucia il locale. Così tra le fiamme brucia il locale e anche l’amicizia tra Jacinda e Sabine. Lucy, però non si arrende.

La ragazzina riesce a far rinsavire la madre. Jacinda capisce che ha sbagliato a trattare male Sabine. La nostra eroina, prende tutti i soldi guadagnati e compra un food truck. Il camioncino serve per avviare una nuova attività insieme alla sua migliore amica.

Intanto, Roger è sempre più intenzionato a trovare la misteriosa ragazza scomparsa. Alla centrale di polizia, un tipo viene arrestato. Il tipo in questione è legato alla misteriosa ragazza. Il detective, nota il tatuaggio al polso dell’uomo. Il tatuaggio è simile al disegno che la ragazza scomparsa aveva disegnato sul suo taccuino.

Once Upon a Time

E così, quando il bandito viene rilasciato tramite una chiamata veniamo a sapere che conosce la ragazza in questione.

Ma il colpo di scena è un altro…

Roni non si fida di Ivy. Anche se, Henry si è infatuato della regazza. Roni in perfetto stile Regina Mills, incontra Ivy. La ragazza cerca di guadagnarsi la fiducia della barista conducendola nella stanza segreta della madre.

Roni qui scopre una foto che raffigura lei e il piccolo Henry. Ma, il vero colpo di scena non è questo… Sono rimasta davvero sorpresa!

Devo dare un bel cinque agli autori, devo ammetterlo, mi hanno sorpresa.

Ivy, non è la ingenua ragazza che tutti ci siamo immaginati. Ivy conosce bene la maledizione e sembra più astuta della sua perfida madre.

La sorellastra di Cenerentola, scende nella stanza misteriosa di sua madre, da sola. E capiamo che Ivy conosce molto bene la strega. Quest’ultima collabora con lei facendo finta di collaborare con Victoria.

La strega prigioniera, non è altro che un’alleata della nostra Drizella. La ragazza è la vera cattiva della situazione?

Non lo sappiamo ancora. La strega pensa che lei sia una ragazza buona, ma sarà vero?

Per scoprirlo non ci resta che guardare il prossimo episodio di Once Upon a Time.