Reddito di Cittadinanza, cambiamenti in arrivo?

Al momento non c'è l'intenzione di abolirlo ma solo modificarlo. Ecco cosa potrebbe accadere nei prossimi mesi

0
Reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza

Il Reddito di Cittadinanza (RdC) è un sostegno economico finalizzato al reinserimento nel mondo del lavoro e all’inclusione sociale. È uno strumento introdotto con decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4 come misura di contrasto alla povertà. In questi mesi si è parlato tanto del RdC generando spesso forti discussioni a riguardo.

MODIFICHE DEL REDDITO – Abolire questo sussidio, ad oggi, rappresenta una remota opzione, anche se spesso alcune forze politiche hanno minacciato di eleminarlo del tutto. Tuttavia, quasi sicuramente ci saranno delle modifiche nei prossimi mesi. Una proposta, infatti, è arrivata proprio da Andrea Orlando, ministro del Lavoro.

Orlando ha suggerito di introdurre una sorta di condizione per poter ottenere il Reddito di Cittadinanza e continuare a percepirlo. Nello specifico, si tratta di collegare questo sussidio a corsi di formazione e riqualificazione professionale. Inoltre, l’ipotesi è quella di unire, per le fasce più povere, il RdC con quello di emergenza.

Mario Draghi, presidente del Consiglio dei ministri, è un timido sostenitore del Reddito. Infatti, il premier ha dichiarato che è troppo presto per pensare ad una riforma radicale di questo strumento introdotto dal Movimento 5 Stelle. Draghi, inoltre, ha sottolineato di condividere il principio di questa misura, ovvero la riduzione della povertà tra i cittadini.

Al momento, quindi, non ci sarà nessuna abolizione ma solo modifiche. Lo stesso Andrea Orlando ha spiegato che senza questa misura introdotta dai pentastellati, la crisi economica dovuta alla pandemia avrebbe avuto conseguenze più gravi, anche di natura sociale.