Retroscena Sarri, al Napoli disse a De Laurentiis di volere un brasiliano

0
Maurizio Sarri. Font. foto Instagram

Negli ultimi anni si sono visti molti giocatori esplodere in Serie A, venduti all’estero, ma non trovando le stesse fortune, sono ritornati a giocare in Italia. Uno degli ultimi “rientri” è stato quello di Felipe Anderson, ceduto circa tre anni fa al West Ham per 40 milioni: il brasiliano dopo un prima buona stagione (2018-2019) caratterizzata da 9 goal e 4 assist in 35 partite, la seconda non è andata così bene. Con l’arrivo di Moyes trova sempre meno spazio, per poi essere ceduto al Porto, ma anche lì la situazione non migliora.

Quest’anno con l’arrivo di Sarri alla lazio, e il conseguente cambio modulo, servivano nuovi interpreti. La dirigenza laziale è riuscito a riprendere il suo ex-fantasista di Brasilia con una forma davvero inedita: a zero perché Lotito ha deciso di rinunciare agli ultimi 3 milioni che ancora gli spettavano dalla trattativa del 2018. L’unica clausola presente nel contratto è il 50% della sua futura rivendita, destinato agli Hammers.

Un giocatore voluto fortemente dal mister toscano. Infatti nonostante l’avvio non proprio convincente della Lazio, ad ora Felipe Anderson è risultato uno dei migliori: in sole 7 presenze è già riuscito a collezionare 2 goal e 2 assist. Ed una partita stratosferica nel derby di Roma. Sembra proprio che si ritornato il giocatore di 3 anni fa, grazie anche ai continui spronamenti da parte di mister Sarri. Dopo il derby sono state queste le sue parole sul classe 93′: ” A me a tratti mi prende il dubbio che lui non si renda neanche conto della sua forza.”

Il mister biancoceleste ha sempre avuto un debole per questo giocatore. Secondo la redazione sportiva di Sky, sembra che anche quando era a Napoli, avrebbe chiesto a De Laurentiis l’acquisto dell’ala brasiliana. Le sue parole al patron azzurre furono queste: “Presidente, questo brasiliano è davvero molto bravo”. Trattativa che poi non è andata mai in porto, forse a causa della grande qualità degli esterni del Napoli di allora, dove oltre al solito Insigne, c’era un insostituibile Callejon.

Sarri però ha visto concretizzarsi il suo sogno quest’anno. Anche lo stesso Anderson, ha dichiarato che la presenza del nuovo allenatore in casa Lazio è stato fondamentale per il suo ritorno in capitale. Ora il mister di Napoli dovrà ripartire dalle prestazioni di Anderson, visto che la parziale ripresa laziale, dopo la vittoria nel derby e in Europa League, è stata smontata dalla catastrofica sconfitta per 3-0 contro il Bologna.