Retroscena Sarri: “Ha problemi con alcuni calciatori della Juve. In Cina fece volare le borse nello spogliatoio”

I modi un po' al limite del tecnico avrebbero causato una rottura con parte dello spogliatoio

0
Maurizio Sarri. Font. foto Instagram

Stenta a decollare l’avventura di Maurizio Sarri sulla panchina della Juventus. La società e i tifosi non hanno gradito la sconfitta in finale di Coppa Italia, che si aggiunge a quella in Supercoppa con la Lazio, tanto che si inizia già a parlare di un possibile esonero.

Già perché Sarri per guadagnarsi la conferma sarà chiamato a vincere a tutti i costi lo scudetto e cercare di arrivare in fondo alla Champions League, impresa non semplice in virtù della sconfitta sul campo del Lione per 1-0 nell’andata degli ottavi.

Come se non bastasse nello spogliatoio inizia a manifestarsi qualche malumore di troppo, soprattutto da parte dei giocatori importanti, che non gradirebbero gli atteggiamenti un po’ al limite del tecnico.

A conferma di ciò sono arrivate le dichiarazioni di Massimo Brambati, ex calciatore e oggi procuratore sportivo, che ai microfoni di Tuttomercatoweb ha raccontato un retroscena che risale ai tempi della tournée in Cina della Juventus:

“L’avventura di Sarri, da quello che ho percepito e da alcune persone, è partita abbastanza male all’interno dello spogliatoio. Se non hai un curriculum importante, devi arrivare quasi in punta di piedi. Sarri uscì con un paio di situazioni. Dopo la sfida all’Inter in Cina erano volate anche le borse, perché ha avuto una reazione forte sui primi 45 minuti della squadra giocata non bene. Ha un modo di fare un po’ al limite. Si è creata una frattura tra lui e alcuni giocatori importanti della squadra”.