Riapertura ristoranti fino alle 22, secondo il Cts comporterebbe un rischio

0
Riapertura ristoranti fino alle 22, Riapertura ristoranti, Chiusura dei ristoranti
Restaurant, Fonte Pixabay autore Hsojhsoj

Visto il leggero miglioramento della situazione epidemiologica nel Bel paese, molti speravano in una riapertura serale dei ristoranti, fino alle 22. Una speranza che non coincide purtroppo con le affermazioni del Cts.

CTS SFAVOREVOLE – Gli esperti infatti dichiarano: «Una rimodulazione dei pacchetti di misure potrebbe modificare l’efficacia nella mitigazione del rischio». Bisognerebbe quindi considerare: «[…] le diverse tipologie dei pubblici esercizi, distinguendo tra ristoranti e bar – oltre ad – […] alcune considerazioni sul rafforzamento delle misure restrittive adeguandole alle caratteristiche strutturali dei locali e alla tipologia del servizio reso».

Ma non solo. Il Cts afferma che bisogna anche tener conto delle riaperture delle scuole e giudicare prima l’andamento della curva dei contagi in funzione di questo. Parliamo quindi di almeno altre due settimane. In ogni caso, concludono delegando la decisione definitiva al Governo.

DOCCIA FREDDA PER TOTI E COLDIRETTI – Una vera doccia fredda per chi si era esposto a favore di una riapertura dei ristoranti fino alle 22. In particolare per Giovanni Toti, presidente della Liguria, e la maggiore rappresentante dell’agricoltura italiana, la Coldiretti.

Toti, infatti, aveva dichiarato qualche tempo fa: « […] è arrivato finalmente il parere favorevole del Comitato Tecnico Scientifico. Speriamo che si possa partire al più presto. Lo avevamo chiesto più volte in Conferenza delle Regioni e siamo soddisfatti del risultato raggiunto. La difficile situazione economica che stanno vivendo le nostre attività è stata anche oggetto dell’incontro con il Presidente incaricato Draghi […]».

La Coldiretti invece afferma che è: « […] fondamentale consentire ai ristoranti, che si trovano nelle zone gialle e che dimostrano di rispettare i rigidi requisiti previsti, l’apertura serale fino all’orario di inizio coprifuoco. Anche alla luce delle importanti misure di sicurezza adottata. […] Con tale possibilità […] si coniugherebbero tutela della salute dei cittadini e ripresa dell’attività economica e lavorativa dell’intera filiera agroalimentare italiana».