Il ricordo di Conor Clapton (figlio di Eric), morto 25 anni fa a soli 5 anni

0

eric-clapton-conor-clapton--735x413

Morto per colpo di un fax, tra una fatale indecisione se salire dal piccolo o scendere giù a rispondere al fax. Quel maledetto suono arrivò come un fulmine a ciel sereno. La povera mamma non poteva mai immaginare che il suo piccolino di appena 5 anni sarebbe uscito dalla propria stanza per accedere a un’altra. In quest’ultima c’era una finestra aperta, una Camera vuota senza la presenza di un cameriere o governante. Il piccolo non poteva mai pensare che giù c’era il vuoto. Quel vuoto che sarebbe stato fatale alla propria vita. Non aveva i super poteri degli eroi o un mantello per farlo volare. Come poteva sapere che la mamma si sarebbe assentata per un fax. È così che se ne andò 25 anni fa Connor Clapton figlio del famoso Eric e della showgirl Lory Del Santo. Il loro improvviso amore scoppiò durante un tour di Clapton a Milano. Da questo amore improvviso nacque il piccolo Connor. L’autore della celebre canzone “Cocaina” dedicò al figlio l’altrettanto famosissima Tears in Heaven (lacrime in paradiso). Ieri Lory del Santo durante la puntata di Domenica Live ha raccontato (mai fatto prima) la vita e i ricordi (purtroppo pochi) di Connor. Ha aperto una scatola in cui c’erano video e foto di Clapton, Lory e Connor. Una grande dimostrazione da parte della showgirl di riuscire ad aprire il cuore davanti alla telecamere e raccontare di Connor, angelo in paradiso. Tears in Heaven Il singolo è tra quelli di maggior successo dello stesso Clapton e gli valse, nel 1993, tre grammy awards vincendo come la canzone dell’anno (1993). Secondo la rivista Rolling Stones e tra i 500 brani più belli di sempre.