Risparmiare per il futuro: come essere lungimiranti senza troppe rinunce

0

Quando si parla di risparmio, improvvisamente il mondo si divide in due, come fosse tagliato da un’accetta con un colpo secco: da una parte coloro i quali pensano sia importante mettere qualcosa da parte per il futuro e dall’altra quanti, invece, ritengono che la “la vita è ora” e che è meglio godersi i soldi fin quando ci sono.

La motivazione è semplice da comprendere e ancor più facile da argomentare: molto più spesso di quanto si creda, l’idea del risparmio è accompagnata da una lunga lista di (false) credenze sulle rinunce da fare. Come se, per semplificare il discorso allo stremo e annullare ogni velleità retorica, togliersi una somma di denaro dalle tasche equivalga a privarsi di qualcosa.

Ma è davvero così? Ovviamente, no. Anzi: risparmiare ed essere lungimiranti non implica necessariamente dire ‘no’, di tanto in tanto, al ‘superfluo’.

Come mettere i soldi da parte (e non faticare troppo) con la polizza vita

Tra le diverse possibilità per tenere al sicuro il proprio domani e quello di chi si ama, la polizza vita è una delle più scelte. La conferma arriva dall’indagine “Multifinanziaria Retail Market 2019-2020” condotta da Ipsos: come si legge nel report, nell’ultimo anno l’assicurazione sulla vita è divenuta la modalità di risparmio preferita dagli italiani, con la percentuale di famiglie che hanno optato per l’assicurazione vita temporanea caso morte in crescita dell’1% rispetto ai 12 mesi precedenti, arrivando così a toccare quota 12%.

Anche in una situazione di generale ristrettezza economica, nel nostro Paese non è venuta meno l’attenzione per il risparmio, tradotta nella gestione oculata delle entrate e delle uscite. In questo contesto, ancor più del classico deposito sul conto corrente, la polizza vita ha permesso agli italiani di contare su una soluzione su misura per ogni tasca, facile da sottoscrivere e dagli innumerevoli vantaggi.

Risparmiare con la polizza vita, infatti, non richiede alcun tipo di rinuncia ed è perfetto per chi vuole garantirsi un futuro tranquillo senza troppa fatica e senza esporsi a rischi finanziari elevati. In fase di sottoscrizione del contratto, ciascuno può decidere liberamente l’investimento da fare, scegliendo in maniera del tutto flessibile la durata della polizza, la somma da assicurare, il premio mensile e il beneficiario o i beneficiari che riceveranno l’indennizzo in caso di eventi spiacevoli o indesiderati.

Altre modalità per risparmiare

Seppur ad oggi l’assicurazione sulla vita venga riconosciuta come lo strumento migliore per la pianificazione e la protezione patrimoniale, esistono altre modalità per risparmiare soldi per sé stessi e per i propri figli. Tra aspetti entusiasmante e altri (davvero) poco rassicuranti.

Eccone tre da conoscere e valutare attentamente:

  1. Scegliere un piano di accumulo di capitale (PAC): si tratta di un programma di risparmio con importi costanti a scadenze regolari per un determinato periodo scelto dal sottoscrivente;
  2. Optare per un fondo pensione: in questo caso, parliamo di una forma di pensione integrativa per ottenere una doppia contribuzione al termine dell’attività lavorativa svolta dal firmatario del fondo;
  3. Provare ad investire in azioni: questa possibilità implica una percentuale di rischio finanziario spesso molto alta ed è consigliata esclusivamente a chi ha padronanza specifica della materia e del mondo finanziario.