Ristoranti a Porto Cervo: genuinità, freschezza e creatività a tavola

0

I ristoranti a Porto Cervo sono la ciliegina sulla torta di quella che è una delle località di vacanza per eccellenza. Nell’immaginario di tutti Porto Cervo è il luogo delle vacanze dei vip, quindi un luogo di lusso in cui forse anche prendere un caffè è costoso.

No aspetta, quella è Venezia, ci siamo sbagliati. Lasciando da parte le battute che si possono fare in merito. Porto Cervo non è di sicuro una meta popolare, ma non è neanche l’olimpo degli dei che tutti pensano.

Quindi potrà sembrare impossibile, invece vi possiamo assicurare che è proprio così, ci sono ristoranti a Porto Cervo dove è possibile mangiare prodotti genuini e freschi senza dover per forza spendere un occhio della testa.

Proprio i prodotti genuini contraddistinguono le cucine di tutti i locali del posto, che siano quelli nel piccolo borgo che i ristoranti degli alberghi. Anzi se vuoi curiosare tra quest’ultimi di consigliamo di collegarti al sito www.hoteldelleroseportocervo.com/ e poi continuare con la lettura.

Ristoranti a Porto Cervo: l’ultima tappa di un’intensa giornata

I ristoranti a Porto Cervo saranno l’ultima tappa, dopo la mattinata al mare, il pomeriggio in boutique a fare shopping e infine una cena tra i sapori della Sardegna.

Porto Cervo è un diamante nel cuore della Costa Smeralda. Il nome lo prende dalla sua particolare conformazione, proprio a forma di cervo. Il suo essere prezioso dall’investimento di un principe, che si era innamorato di quella terra sarda, che non sembra niente di che.

Qualcuno gli avrà anche dato del pazzo, ma lui era sicuro che quella terra avesse del potenziale. Il bellissimo Porto Vecchio su cui poi è stato costruito il nuovo, il paesino tipico, tutto diceva che quel territorio stava solo aspettando il momento della rivincita.

Lui di sicuro non si è tirato indietro. E ora? Ora è una delle mete turistiche più ambite sia dai vip che dalle persone comuni, tutti alla ricerca di una vacanza all’insegna sia del relax che del divertimento.

E dopo esser usciti dal ristorante? Proprio quello il momento in cui parte la movida e inizia la parte migliore.

Carne o pesce, basta che sia buono

Se ti stavi chiedendo cosa si possa mangiare nei ristoranti a Porto Cervo, sappo che la scelta è veramente molto vasta. Ognuno di loro offre una selezione di sapori sardi.

La tradizione dell’isola di sicuro non delude, tra i cibi che nascono dalla tradizione povera delle campagne, ma anche la cucina fresca che puoi gustare in riva al mare con i ristoranti di pesce.

E se si volesse una pizza? C’è chi racconta di pizzerie al top della Costa Smeralda. Locali che sperimentano la cucina moderna, che non si fanno mancare proprio nulla, che amano sperimentare e accontentare anche i palati più esigenti.

Insomma la scelta è veramente vasta, qualunque sia la scelta si avrà la sicurezza di poter gustare dei piatti genuini, preparati con elementi freschi e di qualità.

Ristoranti a Porto Cervo: i piatti che non possono mancare

Innanzitutto si consiglia sempre di affidarsi a persone del posto che possano consigliare quali siano i piatti migliori, quelli che se non hai provato, proprio non puoi andare via da Porto Cervo.

Innanzitutto gli antipasti anche qui il duello tra pesce e carne è molto acceso. Se si sceglierà un menù di mare non potranno mancare i freschissimi crudi, con tartare di tonno o pesce spada. Per un antipasto di terra si consiglia invece un misto di formaggi soprattutto quelli ottenuti con latte caprino che sono una vera delizia.

Per i primi piatti, anche qui scontro è acceso, tra i piatti di pesce si consigliano delle linguine ai ricci di mare, dal sapore intenso e molto particolare. Per gli amanti dei piatti di carne, oltre alla pasta con i ragù, ci sono anche delle tipiche zuppe a base di pane raffermo.

E per secondo? Il porchetto piatto tipico di tutta la Sardegna o i pesci sempre freschissimi con cottura al forno e contorno di verdure.

Per concludere le immancabili seadas, dolci ripieni di formaggio caprino e ricoperto di miele e per accompagnarlo un buon mirto di Sardegna che molti hanno di produzione propria.