Roma, le parole di Pjanic: “Spalletti è uno tosto, il risultato con il Real all’andata ci penalizza”

0

Il giorno dopo la bellissima vittoria della Roma sulla Fiorentina per 4-1, parla Miralem Pjanic analizzando il momento dei giallorossi, ecco le parole del centrocampista bosniaco rilasciate a Roma Radio:”La squadra sta giocando bene, mi trovo in forma come tutti noi. Ci stiamo divertendo, tutta la squadra gira bene, c’è sempre qualcuno che ti aiuta, che ti segue. Spalletti non lo conoscevo personalmente, è buono e tosto, ci sta sempre dietro, è uno con il quale puoi parlare di tutto e ti proteggerà sempre se fai quello che dice, altrimenti… (ride). Lavoriamo bene durante la settimana, la squadra sta rispondendo bene, chiunque scenda in campo fa bene, le cose vanno veramente bene e non vogliamo fermarci. Real Madrid? Il risultato dell’andata è troppo severo, si sa che queste partite sono difficili, loro hanno campioni che fanno la differenza, noi siamo in grande forma e troveremo un ambiente complicato ma faremo il massimo per cercare di fare la partita perfetta, cercheremo di fare male loro quando avremo l’occasione. Dzeko? Come tutti noi vorrebbe sempre giocare, è il mister che decide, lo ha detto a noi e la stampa, sarà solo lui a decidere, è normale essere dispiaciuti quando non si gioca, ma sarà a disposizione, abbiamo bisogno noi di lui e lui di noi per continuare a segnare, sarà Spalletti a decidere. Poca continuità? Secondo me no, dipende dalle situazioni, io ho bisogno dei compagni e loro di me, non sono decisivo quando la squadra non vince, cerco di mettere i compagni nelle migliori situazioni possibili, a volte le cose vanno bene e poi vanno male in altri periodi, sembra che non capisci nulla di calcio, ci è capitano in uno-due mesi, non eravamo quelli che sappiamo di poter essere, noi abbiamo tanta qualità e partite come ieri lo dimostrano, questa è la vera Roma, peccato per il calo avuto prima. Curva Sud? Un tifo come il nostro non esiste da un’altra parte, speriamo che lo stadio possa concretizzarsi, per avvicinarsi alla Juventus serve uno stadio, per gli avversari sarà impossibile con il nostro pubblico, speriamo che questa situazione si risolva, in trasferta li sentiamo vicini e vogliamo sempre averli con noi”.