Roma, ormai non si scherza più: 3-1 perentorio e tanti saluti all’Udinese. Ora testa al big match di Sabato contro l’Inter

0

LA GARA

La Roma sembra in questo momento inarrestabile: il 5° successo consecutivo è figlio di un’inizio alienante per la squadra friulana, che si vede sotto 2-0 già dopo 9 minuti.
Questa volta mister Garcia da spazio a vari rimescolamenti, inserendo Maicon a destra, Nainggolan in cabina di regia e Florenzi di nuovo a centrocampo. Oggi l’uomo decisivo è proprio il volante brasiliano, che in barba a chi lo dava bollito per via della carta d’identità e di prestazioni precedenti non proprio da fuoriclasse, offre inizialmente l’assist a Pijanic per l’1-0.Dopo 5 minuti, timbra personalmente il cartellino con un gol che corona un’azione da accademia del calcio: assist di tacco di Dzeko che lancia Maicon in aria, che a sua volta di libera di due avversari e insacca. Dopo i 2-0 la Roma rallenta il gioco, coadiuvata da un’Udinese che non sembra mai entrata realmente in campo. Ma prima del doppio fischio del primo tempo, c’è ancora spazio per qualche occasione da parte degli uomini di Garcia, che sfiorano il 3-0 a più riprese. Il secondo tempo, come prevedibile, vede dei cambi tattici da parte di mister Colantuono, il quale inserisce Bruno Fernandes e ridisegna la squadra sulla base di un 4-4-2. Tali cambi inizialmente sospingono l’Udinese, che cerca almeno di salvare la faccia, ma a segnare sarà di li a poco di nuovo la Roma: Manolas è un gladiatore quando si libera di forza di tre avversari e serve per Gervinho, che conferma una forma strabiliante e sigla il 3-0. La Roma ha poi altre chances per bucare Karnezis, ma Dzeko a volte sembra lo faccia apposta a non segnare. Alla fine arriva il gol anche per l’Udinese, con Thereau che davanti a Szczesny non può sbagliare. Da rivedere la marcatura, ma alla fine dei giochi, il gol del francese assume i crismi del più classico dei gol della bandiera.  I giocatori e lo staff possono tornare a Trigoria pieni di soddisfazione e sicurezza, con la testa che va già al big match di sabato contro l’Inter.

TABELLINO
ROMA-UDINESE 3-1 (2-0)
MARCATORI Pjanic (R) al 4′, Maicon (R) all’8′ s.t.; Gervinho (R) al 18′, Thereau (U) al 32′ s.t.
ROMA (4-3-3) Szczesny; Maicon, Manolas (dal 25′ s.t. Gyomber), Rudiger, Digne; Florenzi (dal 34′ s.t. Vainqueur), Nainggolan, Pjanic; Gervinho (dal 20′ s.t. Iturbe), Dzeko, Iago (De Sanctis, Torosidis, Castan, Nura, Uçan, Machin, Emerson, Ponce, Sadiq). All. Garcia.
UDINESE (3-5-2) Karnezis; Wague, Danilo, Piris; Widmer (dal 13′ s.t. Bruno Fernandes), Badu, Iturra (dal 19′ s.t. Aguirre), Marquinho, Pasquale; Perica (dal 25′ s.t. Edenilson), Thereau (Meret, Perisan, Di Natale, Insua, Lodi, Felipe, Pontisso, Alì Adnan, Heurtaux). All. Colantuono.
ARBITRO Russo di Nola.
NOTE spettatori 29.599, incasso 859.937 euro. Ammoniti: Perica, Iturra, Aguirre e Vainqueur per gioco scorretto. Angoli: 3-4. Recuperi: 0′ p.t., 4′ s.t.