Roma, Perotti: “Darò tutto per la convocazione. Scudetto alla Juventus”

0
Diego Perotti Fonte foto: Wikipedia - Gabrielcorbachobermejo
Diego Perotti Fonte foto: Di Gabrielcorbachobermejo - Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=22383798

ROMA.  L’argentino Diego Perotti ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano “Clarìn”. Ecco le sue parole.

Sulla parte più bella della città?
Quello che ho sempre apprezzato è la sicurezza. Essere in grado di uscire in qualsiasi momento per strada. Mia moglie esce con il mio bambino senza paure, senza orari, senza pensare all’auto o se fa buio. Questo è fondamentale. E questo è quello che rimpiango di più quando torno in Argentina. Che devi fare attenzione con gli orari e vedere con con quale auto vai.

Sulla mancanza dell’Argentina
Sì. Da quando me ne sono andato ho detto che sarei tornato a vivere in Argentina. Vengo da Moreno e mi manca. Ogni volta che ho una settimana vado in Argentina, soprattutto per trascorrere le vacanze. Approfitto delle vacanze per andare a vedere la mia famiglia e i miei amici. Sono in Europa da molto tempo, ma non ci siamo abituati a vivere da soli senza avere i nostri affetti vicino. Anche mia moglie è di Moreno. E abbiamo in programma di tornare.

Quando?
Vorrei tornare al calcio argentino, ma la realtà è che di recente ho firmato un rinnovo con Roma fino al 2021 e almeno fino a quell’anno voglio rispettare quel contratto. Anche se dovessi prendere un’altra strada prima, vedremo.

Sulla somiglianza tra Italia ed Argentina
Ci sono abbastanza somiglianze e altre cose un po’ diverse. Il fatto di stare insieme a mangiare un barbecue con gli amici. Ma a Genova e a Roma ho incontrato persone umili che rendono le cose più facili. Quando vieni da fuori, non vuoi essere emarginato perché poi ti complichi in campo.

Sul trattamento ricevuto
Mi sentivo molto bene da quando sono arrivato e il gruppo mi ha fatto adattare rapidamente. Sono umili. Sono venuto da Genova e non mi hanno mai fatto sentire di venire da una piccola squadra. Quando giochi, ti adatti più velocemente perché acquisisci sicurezza e sicurezza nel calcio è tutto. Questo è trasferito anche nella tua vita quotidiana.

Sul rapporto con gli altri argentini a Roma
Con Fede Fazio e Jony Silva. Fazio l’ho conosciuto a Siviglia, è arrivato quasi insieme e per me è come un fratello. Ma ci sono anche brasiliani, olandesi e francesi che fanno sì che il gruppo abbia delle dinamiche positive.

Sul giocare con Totti
È il re della città. È stato molto bello. Purtroppo ho dovuto giocare all’ultimo momento della sua carriera e non ho avuto la possibilità di godermelo a pieno. Ma ho visto le cose che ha fatto durante gli allenamenti e quando ha risolto le partite da solo. Ha una visione di gioco che non gli richiede tanto dal punto di vista fisico. Puoi risolvere o cambiare le cose con un passaggio, con la tua visione di gioco o con un tiro di 30 metri. È stato il migliore qui.

Sul morale degli italiani dopo la mancata qualificazione alla Coppa del Mondo
È stato terribile. È stato un duro colpo perché è una squadra storica che ha una buona squadra e nessuno si aspettava di non partecipare ad una Coppa del Mondo. Non penso che vogliano vedere qualcosa del mondiale. Andranno in vacanza e non accenderanno la TV finché non sarà finita. È quello che farei io l’Argentina fosse stata esclusa. Ma forse questo colpo li aiuterà ad avere un rinnovo. Può aiutarli a ricominciare da capo.

Sul mondiale in Russia
Sto andando passo dopo passo. Mi sto godendo questo momento. So che non sarà facile perché ci sono molti giocatori di grande qualità. Naturalmente ho intenzione di combattere fino alla fine e cercherò di sfruttare queste due amichevoli con la Nazionale.

Sulla chance di convocazione
Sì, perché sono le ultime due amichevoli e io ho giocato poco. Poi, ovviamente, deciderà l’allenatore, ma darò tutto in ogni partita e in ogni allenamento. Non sprecherò l’occasione. Sono calmo e tranquillo per far bene.

Sull’esperienza del tour in Russia lo scorso novembre
Bene. Ovviamente non è stato facile, perché sono tornato in nazionale dopo un lungo periodo di tempo e i nervi hanno giocato contro di me. Ho provato a fare la stessa cosa che faccio a Roma, che immagino sia ciò che ha spinto Sampaoli a notarmi. Sono opportunità che non sempre si presentano.

Sul giocare con Messi
Penso che le parole di Dybala fossero diverse e hanno distorto un po’. Mi è piaciuto giocare con Messi. Giocare dieci minuti con il miglior giocatore del mondo mi ha reso felice. Le cose negative sono gli infortuni e quanto mi costava recuperare, tutte cose che mi passavano per la testa. Mi piaceva quello che stavo vivendo. Essere in campo con Messi è il più grande orgoglio che ogni giocatore possa avere.

Su Sampaoli
Ho parlato con lui quando è venuto a Roma. Ha parlato con me e con Fazio. Ci ha detto cosa voleva da noi. È stata una bella chiacchierata.

Sulle sue richieste
È stato un discorso di calcio. Mi ha parlato di quello che posso fare in campo, di entrare in area avversaria… Cose che mi chiede anche l’allenatore della Roma.

Su che tipo di tecnico è Sampaoli
Con una persona molto sincera e con una mentalità molto concreta di ciò che vuole e come vuoi che la Nazionale giochi. E soprattutto con tanta voglia di vincere la Coppa del Mondo. Sapendo che ha il miglior giocatore del mondo, l’Argentina ha più possibilità delle altre.

Sull’Argentina
Sì. Con i giocatori che ha e il livello che mostrano, farà bene. Devi anche essere consapevole del fatto che Brasile e Germania stanno andando molto bene e che la Francia ha buoni giocatori. Ma l’Argentina con Leo (Messi, ndr) ha un vantaggio.

Sui tecnici che hanno più segnato la carriera
Tre. El Gato Daniele, per essere stato il primo e perché grazie a lui ho potuto iniziare a giocare e fare il salto verso l’Europa. Era importante non sentire il cambiamento così tanto. Poi quello che ho avuto a Genova, Gasperini, perché è stato lui a salvare la mia carriera dal modo in cui mi ha fatto allenare. Mi ha fatto rivivere il calcio con passione.

Perché?
Gasperini non ti avrebbe permesso di fermarti, a meno che non avessi un taglio alla gamba. Prima per paura, mi fermavo. Ma poiché ero nuovo, non potevo fermarmi. Ho reagito in modo eccessivo al mio corpo e mi ha fatto bene. È come se avessi risistemato il mio corpo e lasciato le paure alle spalle. La mente influenza tanto e in questo senso Gasperini era un fenomeno. Oggi, a differenza di quello che mi è successo a Siviglia o al Boca, quando ho un piccolo problema non lo dico neanche al dottore. E questo è qualcosa che mi rafforza mentalmente e mi aiuta a non essere così spaventato.

E il terzo allenatore?
Di Francesco, che a Roma mi ha fatto cambiare un po’ il mio modo di giocare, chiedendomi di non essere sempre incollato alla linea laterale, ma cercare la palla tra le linee e in profondità, che è qualcosa che anche Sampaoli mi chiede. Questi tre sono i più importanti che ho avuto nella mia carriera.

 

Su Maradona ct
Sì, la prima volta che sono andato alla Nazionale sono stato chiamato da lui. Dico sempre che il calcio è stato generoso con me. Maradona mi ha allenato e ho giocato con Messi, con Riquelme, con Totti… Mi rimane poco da chiedere per il calcio.

Parli bene l’italiano?
Ora, si. All’inizio mi è stato detto che era molto facile, ma non era così. Poi, tutto il giorno a parlare con persone e da qui finisci per imparare. È più facile dell’inglese o del francese, ma non è così semplice.

Sul calcio più difficile
Penso che il più difficile sia l’argentino, perché la maggior parte dei campi sono in cattive condizioni. Il possesso della palla non è facile, sono pochi quelli che cercano di giocare con la palla a terra. Il mio preferito è sempre stato quello inglese, ma tra i tre in cui ho potuto giocare preferisco lo spagnolo.

Sulla scesa di livello del calcio italiano
Può darsi che il livello sia sceso un po’, ma la Juventus ha recentemente raggiunto due finali di Champions. Sì, è vero che il calcio è abbastanza tattico, ma penso che stia aumentando il livello.

 

Sulle chance scudetto del Napoli
Fino alla partita che abbiamo giocato con il Napoli, che abbiamo vinto 4 a 2, pensavo così, ma ora credo che sarà difficile. Deve sfruttare l’energia che la Juventus può perdere con la Champions League. Ma dipende soprattutto dalla Juventus, perché ha un vantaggio e penso che tornerà campione.

 

Sull’avvicinarsi al titolo
No, matematicamente non possiamo arrivarci. Molti punti ci separano e ce ne pentiamo. Mancano ancora alcune partite e la Juventus e il Napoli non penso che perdano molti punti. Dobbiamo pensare a qualificarci per la prossima Champions League.