Rosalinda Cannavò, scoppia la polemica per il suo libro: la polemica della ragazza

0
fonte: profilo ufficiale Instagram Rosalinda Cannavò

Dopo la sua partecipazione al GF Vip, Rosalinda Cannavò è stata spesso al centro dei riflettori. Felicemente fidanzata con Andrea Zenga, conosciuto proprio nella casa più spiata d’Italia, la ragazza è recentemente approdata nel mondo dell’editoria. A pochi giorni dall’uscita del suo primo libro, Rosalinda si è trovata sommersa dalle critiche.

LA REPLICA DELL’EX GIEFFINA – Il 13 settembre è stato pubblicato Il riflesso di me, il primo libro di Rosalinda, scritto a quattro mani con Gabriele Parpiglia. L’opera letteraria affronta il delicato tema dei DCA, vissuto in prima persona dall’ex gieffina. Come raccontato dalla Cannavò sia nel libro che in svariate interviste, in passato ha sofferto di anoressia, arrivando a pesare 34 kg.

Rosalinda ha quindi voluto raccontare il difficile periodo buio che ha affrontato, citando anche il figlio di Walter Zenga. Il riferimento al fidanzato non è affatto piaciuto ai lettori, finendo per essere aspramente criticato. Su Amazon, infatti, sono stati tanti gli utenti che si sono lamentati di ciò, lasciando aspre critiche.

Un utente ha così commentato: Ma perché ingannare il lettore con titolo acchiappa soldi e poi scrivere capitoli che non c’entrano nulla con i disturbi alimentari come la sua storia d’amore con il figlio del portiere?”. A questa critica, ne è subito seguita un’altra: “Mi spiace perché trovo Rosalinda una ragazza con un potenziale enorme e una storia da trasmettere a tutti, ma vedere e leggere pseudo fanfinction (scritte tra l’altro con l’aiuto di un giornalista) lo trovo davvero un’occasione persa”.

Davanti a questi duri commenti, Rosalinda non è di certo rimasta in silenzio. L’ex gieffina ha così replicato alle aspre critiche: “È sminuente che il mio libro, il cui tema principale sono i DCA sia ridotto alla parentesi dedicata al mio ragazzo. Oppure criticato, perché Gabriele Parpiglia mi ha creduto e ascoltato la mia storia, aiutandomi a realizzare questo progetto”.