Rossi in pole dopo 7 mesi, Lorenzo solo ottavo ad Assen

0

Dopo quattro lunghi anni Valentino Rossi tornò in pole position a Valencia 2014 e questa volta il Dottore non ha aspettato così tanto per ripetersi.

Sono passati sette mesi da allora e oggi, nella Cattedrale, Rossi è tornato in prima fila davanti a tutti sbriciolando il record di pista con 1’32”627 e mettendo in chiaro una cosa: vuole vincere.

Lorenzo ha provato fino all’ultimo a contrastare il compagno di box ma per il Maiorchino oggi è arrivata una magra ottava posizione con tanto di pugno nell’aria per l’arrabbiatura.

Aleix Espargarò, secondo, pensava di ripetere la prestazione di Barcellona, si è dovuto accontentare della seconda posizione davanti a Marc Màrquez che ha provato in tutti i modi di tagliare il gap con Valentino Rossi.

Dani Pedrosa apre la seconda fila precedendo Pol Espargarò, in netta ripresa rispetto alle prestazioni precedenti, e la prima Ducati in griglia, quella di Iannone a tre decimi dal primo.

Terza fila aperta da Crutchlow con Jorge Lorenzo davanti a Vinales.

Andrea Dovizioso apre la quarta fila con Petrucci e Smith.

Per la gara di domani sono aperti i pronostici, Lorenzo e Rossi si giocano la leadership del mondiale; per la prima volta vediamo le posizioni invertite cioè Rossi al comando e Lorenzo in rimonta ed è normale chiedersi se Jorge sarà in grado di firmare le rimonte storiche che ci ha fatto vedere Rossi fino ad adesso.

Le Suzuki possono essere d’intralcio così come le Ducati che sembrano soffrire molto qui ad Assen, le Honda sono pronte ad attaccare e Màrquez assomiglia sempre di più al vecchio se stesso del 2014 in grado di volare sull’asfalto. Non sarà da meno Pedrosa che ha bisogno di vincere o almeno arrivare a podio senza i 20 secondi di distacco.

Che piova o ci sia il sole una cosa sola è sicura: domani lo spettacolo sarà da cardiopalma.