Russia, Putin annuncia la sospensione del trattato per il disarmo nucleare

0
Foto da Wikimedia Commons

Il presidente russo Vladimir Putin ha sospeso il Trattato Inf per il disarmo nucleare, l’accordo per il controllo dei missili a medio raggio che fu firmato nel 1987 da Ronald Reagan e da Mikhail Gorbaciov.

Già gli Stati Uniti avevano annunciato lo scorso dicembre l’intenzione di voler uscire dal Trattato, accusando Mosca di violazioni dal 2014. Trump aveva fissato una sorta di ultimatum la cui scadenza era prevista per il 2 febbraio.

La Russia ha violato per anni senza scrupoli il trattato sulle armi nucleari e non ha mostrato alcun serio impegno nel volerlo rispettare“, aveva dichiarato il segretario di Stato Mike Pompeo. “Gli Stati Uniti hanno fatto di tutto per preservare questo trattato ma la Russia ha messo e mette a rischio gli interessi degli Stati Uniti sul fronte della sicurezza. Per questo non possiamo più essere vincolati da un accordo mentre la Russia lo viola in maniera vergognosa”.

Considerata la necessità di adottare misure urgenti in seguito alla violazione da parte degli Stati Uniti degli obblighi derivanti dal trattato, firmato dall’Unione Sovietica e dagli stati uniti l’8 dicembre 1987, l’adesione della Russia al trattato Inf è sospesa fino a quando gli Stati Uniti non rispetteranno gli obblighi previsti dal trattato o fino alla risoluzione del trattato“, si legge invece nel decreto di sospensione firmato da Putin. Il ministero degli esteri russo ha ricevuto l’incarico di inviare un avviso di sospensione agli Stati Uniti.