Salernitana B…..entornata!

0

Salernitana con due turni d’anticipo festeggia la Serie B in casa con un Arechi gremito di spettatori.In quattro anni i granata salgono dalla Serie D alla Serie B

 

Salernitana B..entornata
Salernitana B..entornata

È granata il cielo di Salerno. Sono colorati a festa i balconi della città per festeggiare con due giornate d’anticipo la promozioni in Serie B della Salernitana. Ieri all’Arechi davanti a circa 20.000 mila spettatori la squadra di Leonardo Menichini ha  battuto

Salenritana la bolgia della Curva Sud
Salenritana la bolgia della Curva Sud

in rimonta il Barletta e complice il pareggio  del Benevento con il Messina, prossimo avversario dei granata, si può festeggiare la promozione.

La Salernitana in quattro anni ha festeggiato tre promozioni dalla Serie D, dov’è iniziata l’era Mezzaroma-Lotito, alla Serie B che si è festeggiata ieri. Serie B che la Salernitana non gioca da cinque lunghi anni. Andiamo alla gara.

Partita in salita per i granata che passano subito in svantaggio. Pugliesi in vantaggio al 13′ con Turchetta. Pochi minuti dopo è Negro a far esplodere l’Arechi per il pareggio. Ma poi Calil, capocannoniere del torneo, e Mendicino dallo il via alla festa quando poi dalla tribuna stampa c’è chi festeggia per il pareggio del Messina a Benevento che arriva fino alle orecchie dei giocatori che si fermano in campo e l’arbitro non può che sancire l’inizio dei festeggiamenti. Si perché la Salernitana con sette punti di vantaggio dai cugini del Benevento sono promossi in Serie B con due turni d’anticipo.

All’Arechi colorato a festa per questa domenica c’era anche Lotito che dopo aver fatto il giro del campo è stato portato in trionfo dai calciatori.

“Quando nel 2011 rilevai la Salernitana lo feci con l’obiettivo di avviare un progetto ambizioso e lungimirante, nella profonda convinzione di restituire ad una citta’ come Salerno quanto perduto a causa degli errori commessi dalle precedenti gestioni. Oggi l’impegno profuso e’ stato premiato: le mie congratulazioni alla squadra, allo staff tecnico e a tutti coloro che hanno

Salernitana: Lotito presente all'Arechi Foto: Luigi Pepe
Salernitana: Lotito presente all’Arechi
Foto: Luigi Pepe

dato il meglio affinché ci potesse essere il salto di categoria in Serie B. Un risultato importante – commenta Lotito – che premia una piazza importante e chiude in un cassetto i tristi ricordi del passato, quando dopo una serie di inadempienze finanziarie il club venne dapprima radiato dal professionismo e poi messo in liquidazione fallimentare. Oggi si celebra l’apertura di una nuova era, si volta pagina definitivamente, godiamoci questa giornata straordinaria. Un ringraziamento particolare va ai tifosi e al pubblico che sicuramente accorrerà numerosissimo per presenziare all’ultima partita e festeggiare tutti insieme il meritato traguardo”

Alla festa si aggiunte anche l’allenatore della Salenritana Menichini che in sala stampa si lascia andare: “E’ una vittoria molto importante in una piazza calorosa ma difficile ed esigente. Siamo stati bravi con la squadra a reagire alle sconfitte subite e a rialzare la testa nei momenti difficili. Faccio i complimenti ai miei calciatori che sono riusciti a sopportarmi e rimanere uniti. Rimarremo nella storia. Quando magari tra 10 anni passerò da Salerno ci sarà qualcuno che si ricorderà di me. Sono stato criticato a mio avviso ingiustamente con delle critiche un po’ cattive quando ho cambiato il modulo nel corso della stagione. Credo che invece essere stati così camaleontici ci abbia favorito in diverse gare. Le critiche? Fanno parte del gioco. Non fai l’allenatore se non vuoi critiche e soprattutto non lo fai a Salerno. Sapevo a cosa andare incontro. E’ capitato anche ad allenatori più importanti di me in categorie superiori”.

 

Salenritana: Fabiani e Mezzaroma  Foto: Luigi Pepe
Salenritana: Fabiani e Mezzaroma
Foto: Luigi Pepe

Conclude Mezzaroma patron della Salernitana insieme a Lotito: “Sinceramente non mi aspettavo di festeggiare oggi, credevo che il Benevento facesse risultato col Messina. Sono ancora frastornato, probabilmente non ho ancora realizzato il tutto. Quando con mio cognato prendemmo la Salernitana avevamo messo in preventivo di tornare in serie B nell’arco dei cinque anni (il famoso progetto quinquennale ndr ), meglio che ciò sia avvenuto con una anno di anticipo. Quest’anno abbiamo avuto un gruppo molto compatto che è cresciuto molto, un’ottima guida tecnica ed un ottimo staff. Cerco sempre di essere prudente ma ora posso gioire e dire che ce lo siamo meritati.”

 

Il patron della Salernitana non si sbilancia sul futuro: “Ora godiamocela per un po’, poi cominceremo a programmare il futuro. Le serie B è un campionato diverso. Partiamo da una buona base ma c’è da migliorare qualcosa andando ad intervenire puntualmente a 360 gradi vari aspetti societari partendo dall’aspetto tecnico fino all’impiantistica impiantistica. Siamo pronti a lavorare per continuare a crescere. Finora avevamo fretta di uscire da questa categoria, ora lo abbiamo fatto, si volta pagina ed inizia una programmazione diversa in un arco temporale che di qui a breve valuteremo”.

 

Salernitana i giocatori in festa  Foto: Luigi Pepe
Salernitana i giocatori in festa
Foto: Luigi Pepe

 

Salernitana – Barletta 3 – 1
Reti: 12′ pt Turchetta (B), 14′ pt Negro, 32′ pt rig. Calil, 42′ st Mendicino.

Salernitana: Gori, Colombo, Franco, Moro (45′ st Bocchetti), Lanzaro, Tuia, Perrulli (21′ st Mendicino), Favasuli, Calil (35′ st Bovo), Gabionetta, Negro. All.: L. Menichini.

A disposizione: Russo, Trevisan, Pezzella, Cristea.

Barletta: Liverani, Sokoli, Cortellini, Kiakis (26′ st Perpignano), Stendardo, Legras, Danti (20′ st Rizzitelli), De Rose, Fall, Turchetta, Palazzolo (14′ st Giannarelli). All.: N. Corda.

A disposizione: Buiatti, Zammuto, Quadri, Ingretolli.

Arbitro: Alessio Prontera di Bologna.
Assistenti: Leonardo Camillucci (sez. Macerata) – Andrea Costantini (sez. Pescara).

Ammoniti: Mendicino (S), De Rose, Legras, Perpignano (B).

Angoli: 5 – 2

Recupero: 3′ st.

Spettatori: 19420