San Antonio pareggia, Atlanta e Memphis vanno sul 2 a 0

0

Colpo di coda dei “vecchietti” di San Antonio che vincono gara 2 e si portano in parità con Los Angeles. Gli Spurs dopo un supplementare hanno superato i Clippers 111 a 107 in un gara ricca di emozioni. Gli uomini di Popovich sono stati guidati da un superbo Tim Duncan, autore di 28 punti, 11 rimbalzi e 4 assist; difficile credere che a quasi 39 anni si possa ancora giocare un basket così efficace. Per lui anche il vanto di esser diventato il quinto giocatore della storia Nba con 5.000 punti nei playoff; bene anche Ginobili e  Marco Belinelli, autore di 9 punti. Los Angeles invece, nonostante la buona prestazione di Paul e Griffin, perde il fattore campo.

Per la prima volta nella loro storia invece i Grizzlies si portano sul 2 a 0, battendo Portland 97-82.  18 punti a testa per Mike Conley e Courtney Lee, 15 per Gasol e 10 per Udrih permettono a Memphis di allungare e avere decisamente buone possibilità di passare il turno. Niente da fare per il Blazers, nonostante il buon inizio targado Aldridge, autore di 24 punti e 14 rimbalzi. Certo Portland da gara 3 dovrebbe recuperare alcuni infortunati, ma serve qualcosa in più per sconfiggere un Memphis così concentrato.

Nuova vittoria per gli Hawks contro i Nets 96-91 e anche loro si portano sul 2 a 0. A fare notizia però è l’annuncio dell’acquisto di Atlanta da parte del miliardario Anthony Ressel per una cifra di circa 850 milioni di dollari. Hawks che partono subito forti grazie a Millsap e Korver e che con Schroder arriva anche un sontuoso + 12 verso la fine del primo quarto. I Nets recuperano con Lopez e Johnson ma non sembrano di poter realmente ribaltare la partita. Partita altalenante ma mai veramente in bilico, anche nel terzo quarto dove la squadra di NYC prova a rifarsi avanti, ma è solo un fuoco di paglia: vince Atlanta e la serie va sul 2-0.