Sanchez, rientro in Italia anticipato: salterà l’amichevole con l’Honduras

0
Alexis Sanchez fonte foto: Di joshjdss - Arsenal Vs Burnley, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=56445588
Alexis Sanchez fonte foto: Di joshjdss - Arsenal Vs Burnley, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=56445588

Già di ritorno il cileno Alexis Sanchez dagli impegni con la Nazionale impegnata nelle amichevoli contro Argentina e Honduras. El Niño Maravilla non prenderà parte alla seconda gara contro la repubblica centroamericana. Rientrerà in Italia per mettersi subito a disposizione di Conte per la prossima di campionato.

D’altronde l’accordo con la federazione cilena era già stato trovato ben prima di questi  due match. Il neo acquisto nerazzurro avrebbe giocato contro Messi e soci la gara del 6 settembre ma avrebbe rinunciato a quella contro i pentastellati biancazzurri.

A sostituirlo ci sarà quasi certamente una vecchia conoscenza del calcio italiano: Edu Vargas, atteso come nuovo crack al Napoli ma mai esploso nel calcio che conta. Il ragazzo, dopo una girandola di prestiti tra Spagna, Inghilterra e Brasile, adesso gioca in Messico tra le fila del Tigres.

Il rientro di Alexis Sanchez è atteso a Milano nella mattina di domenica per poi essere agli ordini di Conte il mattino successivo. La voglia di ritornare a calcare i campi della Serie A è tanta e lui è fermamente intenzionato a diventare uno dei punti fermi della formazione nerazzurra. Intanto lo staff interista studia per lui sedute di allenamento fisico e tattico personalizzate. Il tecnico leccese non ammetterà alcuna sorta di sbavatura in caso di impiego già nelle prossime gare e il cileno dovrà colmare evidenti lacune atletiche per indossare sull’erba di San Siro la sua numero 7.

Intanto i tifosi dell’Inter già sognano il tridente delle meraviglie composto per l’appunto da Sanchez, Lukaku e Lautaro Martinez. Se i tre riusciranno nel compito di integrarsi perfettamente in un’organizzazione di gioco ottimale allora l’Inter potrà contare su un attacco stellare, in grado di competere in Italia e all’estero. Intanto bisogna registrare la