Sanremo 2018: la terza puntata e gli ospiti d’eccezione

0
Fonte ScuolaZoo

Ad accendere la terza serata di Sanremo 2018 ci ha pensato Claudio Baglioni. Il cantautore con chitarra alla mano, ha infuocato l’Ariston con il suo cavallo di battaglia: Via.

Inseguito sul palco l’hanno raggiunto: Michelle Hunziker indossando un abito vintage con un’acconciatura retrò e Pierfrancesco Favino, elegante in un completo nero.

I due co-presentatori hanno annunciato, dopo la splendida esibizione di Baglioni, la gara delle nuove proposte.

Ad iniziare è Mudimbi con la sua canzone: Il Mago. Lo segue Eva con Cosa ti salverà. Il terzo a esibirsi è Ultimo con il suo brano: Il ballo delle incertezze. Chiude Leonardo Monteiro con Bianca. Prima di scoprire cosa ne pensa la giuria demoscopica. Michelle con la sua spontaneità e la sua battuta sempre pronta, si burla di Favino, prendendo spunto da una vecchia foto.

Alla fine, siamo pronti per scoprire cosa ha votato la giuria demoscopica nella “pseudo classifica”. Al primo posto c’è Mudimbi, dietro Ultimo, Eva e Leonardo Monteiro. Quindi inizia il Festivalone, come soprannominato da Michelle.

Con un cambio d’abito di Michelle. I tre presentatori annunciano tra una battuta e l’altra la gara dei Big. Il primo a esibirsi tra i Big è Giovanni Caccamo con la sua Eterno. A lui segue Lo Stato Sociale con il brano Una vita in vacanza. La loro melodia fa divertire, soprattutto per la presenza della mascotte. Una simpatica vecchietta che balla.

Al termine dell’esibizione appare Michelle e annuncia un’altra esibizione di Claudio Baglioni. Ma il cantante non riesce neanche a iniziare che viene interrotto. Tra il pubblico a sorpresa compare Virginia Raffaele.

Quest’anno me lo volevo vedere tranquilla da qui, scusatemi se vi ho interrotti. Tanto finirete alle 2 no? Mi appisolerò fra le braccia di Orfeo. Ci sono più milf quest’anno all’Ariston che alle terme di Saturnia”, scherza. Soffia sul “ciuffetto” di Baglioni. E l’omaggia, sottolineando la sua eleganza e il suo fascino intramontabile.

Virgina, poi fa quello che ama di più: imitare. Quest’anno per la prima volta imita la voce di Michelle, facendo ridere l’intera platea. Claudio meno impacciato delle due scorse puntate cerca di burlarsi della stessa Raffaele; imitando la stessa che imita Belen.

L’intervento è servito per sciogliere il direttore artistico, il quale nei scorsi giorni è stato paragonato a una statua. Dopo il divertente intervento, i Negramaro tornano sul palco di Sanremo, dopo un’assenza di quindici anni. E onorano il ritorno con il singolo La prima volta e il gruppo duetta con Baglioni sulle note di Poster.

La gara continua con Luca Barbarossa con il romanesco di Passame er sale. Seguito da: Enzo Avitabile e Peppe Servillo con il singolo Il coraggio di ogni giorno. Per rompere lo schema, si lascia spazio a Favino che imita Steve Jobs. Poi si torna alla musica con Max Gazzè che canta La leggenda di Cristalda e Pizzomunno.

Arrivano anche Roby Facchinetti e Riccardo Fogli con Il segreto del tempo. All’esibizione dei due, segue il cambio d’abito di Michelle Hunziker e la sua esibizione della canzone di Gianna Nanni, I Maschi. Michelle viene interrotta. Una schiera di donne con un flashmob organizzato, salgono tutte sul palco per cantare canzoni dedicate alle donne. Il tutto è per la difesa delle donne. “Questa battaglia la dobbiamo fare tutti, uomini e donne. Solo così si può andare avanti. L’unione fa la forza”, dice Michelle.

Poi arrivano Ermal Meta e Fabrizio Moro con la loro Non mi avete fatto niente ora, dopo il caso di questi giorni ricalcano il palco più forti di prima. Noemi con Non smettere mai di cercarmi, fa il suo ingresso con una scollatura vertiginosa e Favino si lascia all’ironia. Il conduttore scherza coprendosi gli occhi.

L’ospite internazionale di questo terzo appuntamento è James Taylor, che omaggia la musica italiana con La donna è mobile, poi canta Fire and rain e duetta con Giorgia. Prima di continuare con la gara, c’è l’intrusione di Sabrina Impacciatore.

Inseguito si esibiscono i The Kolors e cantano Frida(Mai, Mai, Mai). La serata continua con la giornalista del Tg 1 Emma D’Aquino, la quale duetta con Claudio Baglioni sulle note di Sabato Pomeriggio.

Successivamente, continua l’elogio alla musica italiana. Prima Danilo Rea al pianoforte e poi Baglioni canta con Gino Paoli. I due omaggiano due grandi artisti della canzone italiana: Fabrizio De Andrè cantando “La canzone dell’amore perduto”. E poi Umberto Bindi con “Il nostro concerto”. Segue l’ultimo Big in gara Mario Biondi con “Rivederti”.

Prima di chiudere la serata ci sono altri artisti. Memo Remigi che con un siparietto dà spazio a Nino Frassica. Seguono anche Claudio Santamaria e Giulia Pandolfi che si esibiscono con “Sarà per te”.

Alla fine, viene mostrata la classifica della sala stampa.

Nella zona alta: Max Gazzè, Lo Stato Sociale, Ermal Meta e Fabrizio Moro. Nella zona media: The Kolors, Barbarossa, Avitabile e Peppe Servillo. Nella zona bassa: Mario Biondi, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli, Giovanni Caccamo, Noemi.