Sant’Arpino: denunciati parroco e fedeli per celebrazione illecita della messa delle Palme

0
La chiesa di Ognissanti a Venezia
La chiesa di Ognissanti a Venezia

Ieri, in data 5 aprile, era la Domenica delle Palme. Purtroppo, causa emergenza COVID-19, non è stato possibile festeggiare degnamente l’inizio della settimana santa. Né tra amici né tantomeno in chiesa, se non in modo illegale com’è successo nella piccola città di Sant’Arpino.

MESSA DELLE PALME NONOSTANTE LA QUARANTENA – Nel comune italiano in provincia di Caserta, si è verificato un ennesimo caso di violazione della legge attuale. Rischiando quindi la propria salute e quella degli altri abitanti, un parroco e i suoi fedeli si sono radunati in una chiesa locale per festeggiare la Domenica delle Palme.

Ben dieci persone, le quali tutte insieme si facevano beffe di quanto decretato dal Governo. Ognuno di loro è stato denunciato e multato, quando i carabinieri hanno fatto irruzione nella chiesa interrompendo la messa.

BAR A CASA – Vi riportiamo anche un altro caso sempre nella stessa regione. A Santa Maria Capua Vetere.

Un cittadino è stato recentemente sanzionato dalle forze dell’ordine, ma non per celebrazioni illecite, bensì perché aveva aperto un bar nel suo garage. 6 clienti in tutto, puniti con la dovuta ammenda una volta scoperti. Il gestore aveva 64 anni.