Sanzioni per i trasgressori del nuovo Dpcm, tra carcere e multe

0
Nuovo Dpcm firmato, 11 gennaio, Sanzioni, Prossimo Dcpm anticipato, Nuovo DCPM ufficiale, appello di Conte
Giuseppe Conte, Fonte Wikipedia

Con il nuovo Dpcm ormai entrato in vigore fino al 3 dicembre, non mancano i divieti e le rispettive sanzioni e multe. Severe punizioni aspettano quindi chi prenderebbe alla leggera il decreto di Giuseppe Conte. Questo però ovviamente in funzione della regione e della regola trasgredita. Ma andiamo con ordine.

VIOLAZIONE COPRIFUOCO E QUARANTENA – Come ben sappiamo il Governo ha imposto un coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino. Quello che ancora non si sapeva era la penalità prevista dallo Stato, e questo indipendentemente dalla zona. Più precisamente l’ammontare della multa verso la quale si poteva incorrere.

La risposta è 280 euro, mentre in caso di recidiva parliamo di 560. Ovviamente sarà possibile uscire, durante la fascia oraria sopracitata, se muniti di un’autocertificazione con comprovato motivo lavorativo, salutare o di necessità. Autocertificazione che in caso di dimenticanza potrà essere compilata presso agenti delle forze dell’ordine.

Ma questo vale per le persone risultate negative al COVID-19. A chi invece viene imposta una quarantena, le regole del gioco si fanno più stringenti. In caso di violazione infatti è prevista una multa tra i 500 e i 5mila euro, ma non solo. Si rischia anche una denuncia penale e una reclusione che va dai 3 ai 18 mesi.

MASCHERINA E RISTORANTI – Concentrandoci invece sulle zone gialle (dove la propagazione del virus è minore), le sanzioni per i ristoranti sono anch’esse particolarmente severe. Ricordiamo che questi ultimi possono rimanere aperti ai clienti fino alle 18, con un massimo di 4 persone ad ogni tavolo. Limitazioni anche per l’asporto, disponibile fino alle 22, mentre nessuna restrizione per le consegne a domicilio.

I clienti così come i gestori dovranno portare sempre la mascherina, se non quando mangiano o bevono. Nel caso tali provvedimenti non venissero rispettati, l’ammenda si aggira sempre tra i 280 e i 560 euro. Ma i ristoratori rischiano anche la chiusura per 5 giorni.