Sarri contrario: “Solo una questione di marketing, ma questa cosa non mi piace”

0
Allenatore del Chelsea Maurizio Sarri. Font. foto Instagram

Dopo la pausa delle Nazionali, il campionato di Serie A è ritornato. La giornata appena trascorsa ci ha regalato delle partite davvero emozionanti, con tanti gol messi a segno. Quest’anno, inoltre, sembra essere ritornata anche la passione dei tifosi che hanno gremito gli stadi in queste prime tre giornate.

Un ritorno gradito nel campionato italiano è anche quello di Maurizio Sarri, il quale non ha perso tempo nel fare delle critiche. Ecco quanto evidenziato: “Avere tre cambi alla fine avrebbe fatto comodo, considerando tutte le variabili, la partita è stata buona, dobbiamo ancora crescere anche tatticamente, può essere anche una conseguenza di un aspetto fisico. Tra giocare ora alle 15 a Firenze o alle 20.45 c’è una differenza notevole, la situazione era difficilissima, non siamo stati in grado di palleggiare in modo pulito“.

Noi avevamo cinque giocatori in Coppa America, otto in infermeria. Tredici giocatori hanno fatto un percorso diverso rispetto agli altri, c’è chi è più avanti e chi più indietro, si aggiunge anche il fatto che avevamo giocatori con alle spalle un lungo periodo di inattività. Sapevamo sarebbe servito tempo per portarli in condizioni accettabili. Ci manca un pizzico di brillantezza più che di quantità“.

Maurizio Sarri, infine, ha criticato anche la nuova seconda maglia della Juventus: “Io su queste cose ho le mie idee che vanno contro il marketing. Per me il rispetto della tradizione delle maglie è sacro. Non so se poi vado contro il marketing perché la maglia più venduta è quella del Manchester United, che è la stessa da decenni“.

D’accordo con l’ex mister del Napoli anche i tifosi della Juventus. Quest’ultimi, infatti, sul web hanno criticato aspramente la nuova seconda maglia del club campione d’Italia negli ultimi 8 anni.