Sarri: “Dobbiamo continuare sulla nostra strada”

0

Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Palermo.

Per continuare a sognare, i partenopei sono chiamati a vincere per rispondere alla Juventus che, nell’anticipo di ieri, ha vinto contro il Sassuolo ed ora è a +6 in classificaQueste le parole di mister Sarri al riguardo: “Noi pensiamo solo alla nostra prestazione. Non bisogna guardare gli altri, se guardiamo avanti ci mettiamo solo ansia. Non possiamo fare nulla su chi vince da cinque mesi senza sosta“.

La gara Il Palermo ha giocatori di qualità e dispone di un organico superiore alla posizione che attualmente occupa in classifica. Troveremo una squadra ritrovata sul piano morale. Dobbiamo avere grande concentrazione, un minimo accenno di superficialità potrebbe essere pagato a caro prezzo. Al Palermo è appena arrivato Novellino e non avremo punti di riferimento per preparare la gara, forse giocheranno con la difesa a quattro, ma non ne abbiamo la certezza

Il momento del Napoli –Il gruppo è sereno perchè è consapevole che sta facendo una stagione straordinaria. Noi dobbiamo pensare partita dopo partita e con serenità per giocarsela fino in fondo. Voglio una squadra equilibrata, l’unica cose che mi dispiace è che stiamo subendo gol pur facendo prove difensive di ottimo livello. In fase difensiva devi fare bene sempre per 90 minuti, anche se fai bene per 89′ può non bastare. Alcuni gol sono episodi ma, visto che accadono ormai sistematicamente, non dobbiamo pensare alla sfortuna e dobbiamo fare qualcosa in più per evitare cali di intensità”

Rinnovo del contratto – Sarebbe un errore mettersi a parlare del contratto adesso, la testa è solo sulle partite”.

Juventus –La Juve ha una storia di vittorie, c’è poi quel piccolo particolare di 200 milioni di differenza di budget che non ti permettere di essere competitivo sempre. È lo stesso discorso che può fare la Juventus quando incontra Barcellona e Real Madrid. Va comunque dato merito alla Juventus per l’ottima gestione societaria e l’ottimo organico, le vittorie non dipendono solo dal fatturato”.

La gara delle recriminazioni –E’ quella di Bologna e non quella contro la Juventus. A Torino abbiamo giocato alla pari con la Juve, cosa che è riuscita solo al Bayern”.

Scudetto –Non azzero il sogno scudetto, ci credo ancora. Abbiamo davanti una squadra che sta facendo cose incredibili. Deve essere la nostra motivazione“.

Voci sulla Nazionale –Il futuro non lo conosce nessuno. Al momento sento la necessità di allenare la mia squadra tutti i giorni“.