Sarri e la Juve scaricano Higuain, il Pipita si ‘vendica’: “Vado via solo se…”

0
Gonzalo Higuain fonte foto: Di Photo by Leandro Ceruti from Rosta, ItaliaCropped and retouched by Danyele - juve 6 leggenda (original photo), CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=59303377

Dopo l’esperienza con la maglia del Napoli, Gonzalo Higuain non sembra più essere lo stesso. Il primo anno con la maglia della Juventus, tutto sommato, non è andato male, ma, da quel momento il Pipita ha iniziato la sua discesa. Prima il Milan, poi il Chelsea, per poi ritornare in bianconero.

Ora, nella Juventus è diventato un vero e proprio peso che la società sta tentando in tutti i modi di liberarsi. Dal canto suo, però, Higuain vorrebbe giocarsi le sue carte con Cristiano Ronaldo e compagni. In bianconero l’attaccante argentino ha trovato anche Maurizio Sarri, l’allenatore con cui ha un feeling particolare. Anche il mister, però, sembra averlo messo da parte.

Molti sono i club disposti ad acquistare le prestazioni sportive del giocatore, ma, il suo ingaggio risulta essere molto elevato. Tra le squadre che si sono fatte sotto per il Pipita, vi è la Roma. Gonzalo, però, preferirebbe giocare in un club più blasonato, per questo, secondo quanto emerso dall’edizione de Il Messaggero, avrebbe chiesto una cospicua buonuscita alla sua attuale società per accettare i giallorossi.

Il Pipita, comunque, sta affrontando un’umiliazione importante per un giocatore del suo calibro che, solo due anni fa, è stato pagato 90 milioni di euro. Ora, la Juventus ha in testa altri piani.

Higuain sembra aver preso una decisione. Accetta la Roma solo in cambio di soldi da parte della Juventus. L’unica squadra in cui l’attaccante si è sempre sentito a suo agio è stata la SSC Napoli. Difficilmente, però, Aurelio De Laurentiis accetterebbe di riprendersi il suo ex numero nove. Dopo il suo trasferimento alla Juventus, infatti, a Napoli si sollevò un polverone sul modo in cui il Pipita lasciò gli azzurri. Nessuno sapeva del suo possibile addio e decise anche di sostenere le visite mediche lontano da tutti.