Sarri risponde ad AdL: continua il botta e risposta tra il tecnico e il presidente

0

Il Napoli nell’anticipo del dodicesimo turno di serie A non va oltre il pareggio. La Lazio esce imbattuta dal San Paolo, gli azzurri chiudono prima della sosta con un filotto di appena 2 vittorie in 8 partite. I partenopei sono usciti vittoriosi dal campo soltanto contro Crotone ed Empoli. Il bel gioco non manca ma l’assenza di risultati inizia a preoccupare tutto l’ambiente azzurro.

In casa Napoli il clima non è sereno ed ad aumentare la tensione è il botta e risposta tra Sarri e De Laurentiis. Il tecnico dei partenopei al termine della partita di ieri sera ha risposto al suo presidente: “Può dare i suggerimenti che vuole, io posso ascoltarli o meno. E questa volta non sono d’accordo con lui”. Aurelio De Laurentiis appena qualche giorno fa, durante una conferenza stampa, aveva infatti suggerito al suo allenatore un nuovo scherma con Hamsik trequartista, in modo da aiutare Manolo Gabbiadini nel ruolo di prima punta.

Sarri già in campo aveva risposto ad AdL continuando a puntare sul 433, ha lasciato in panchina Gabbiadini e nel post gara ha detto: Hamsik non ama il ruolo di trequartista e poi non vedo perché dovrei rinunciare a due esterni tra Mertens, Insigne e Callejon”.

In settimana De Laurentiis aveva anche aggiunto che Sarri avrebbe rifiutato qualche mese fa l’acquisto di Aubameyang, il tecnico ha risposto così alle affermazioni del suo presidente: “Era stato messo in concorrenza con un altro attaccante ed io ho detto che preferivo l’altro, ma poi non è arrivato nessuno dei due”. Facile immaginare che la punta scelta dall’allenatore dei partenopei era uno tra Icardi e Cavani.

Sulla partita Sarri non ha avuto molto da criticare alla sua squadra: Abbiamo fatto una grande prestazione, purtroppo in questo momento raccogliamo meno di quello che meriteremmo. Abbiamo preso la Lazio a pallonate e ci ritroviamo con un pareggio. Certo, abbiamo delle responsabilità ma sarei molto più preoccupato se la squadra non creasse tanto”.

Il Napoli non vive un periodo felice, i risultati non arrivano ma il bel gioco non manca. Le polemiche tra Sarri e AdL non sono produttive. Le due settimane di sosta potrebbero aiutare i ragazzi di Sarri a trovare soluzioni alla mancanza di vittorie. L’assenza di Milik si fa sentire ma sono gli errori difensivi dei singoli a preoccupare maggiormente. Scopriremo fra 14 giorni se il Napoli saprà uscire da questo brutto periodo.