Scotch whisky: ecco quali sono i migliori

0
Scotch whisky
Fonte foto: pixabay.com - SpencerWing

Chi ne capisce un po’ di whisky sa che la Scozia è uno dei paesi dove nascono alcuni dei whisky migliori del mondo. E, per questo, noi abbiamo provato a fare una selezione dei migliori Scotch whisky. Prima di cominciare, però, spendiamo qualche parola su come iene lavorato generalmente la tipologia di scotch whisky più famosa, la single malt whisky. Sappiamo già che non sarai d’accordo con la classifica ma, magari, sarà uno spunto di riflessione. Cominciamo subito!

Single malt whisky: tutti i dettagli

È uno dei più antichi whisky scozzesi e, forse, anche per questo uno dei più famosi. La prima particolarità è che viene prodotto da delle singole distillerie che, poi, lo vengono. Quindi, in un mondo dove si fa sempre più spazio, purtroppo, alla industrializzazione, rimane ancora un po’ di manualità. Vien prodotto con un orzo puro maltato, abbinato con acqua e alcuni lieviti.

Durante il corso degli anni, però, s’è aggiunta la consuetudine di affumicarlo con un fuoco di torba per dargli un sapore più acceso (l’intensità potrai sceglierla tu proprio in base al fuoco).

Un altro aspetto molto importante con cui si sottolinea proprio la tradizione di questo whisky è che si usano alambicchi tradizionali con una duplice distillazione: in altre parole, una distilleria può distillare questo prodotto anche tre volte.

I migliori Scotch whisky

Lagavulin

Il Lagavulin è uno degli scotch whisky più famosi. Prodotto sull’isola di Islay, a ovest della Scozia, non c’è bisogno che tu debba prendere l’aereo per provare l’originale. In Italia, infatti, ci sono diversi portali ad hoc: ad esempio, puoi ordinare il Lagavulin su questo sito, come su tanti altri.

Prima di parlare delle sue qualità, spendiamo due parole sul perché sia nato proprio lì, dove c’è il famoso castello di Dunyvag. Molto semplice: lì, qualche secolo fa, c’erano delle famose distillerie dove si producevano bevande alcoliche.

Dopo aver fatto questo piccolo excursus storico, partiamo con la descrizione del lagavulin. I ‘puristi’ preferiscono berlo così com’è ma, in realtà, per abbassare la gradazione alcolica si può aggiungere un po’ d’acqua in modo da…poterne bere di più!

Leggermente ambrato ma in generale di color giallo dorato, ha un gusto molto forte, è molto alcolico e ha un odore oceanico.

Non è proprio un prodotto che si può trovare facilmente, dovendo subire due distillazione che durano nel complesso anche più di 10 ore.

Talisker

Nato intorno al 1830 nell’isola di Skye e prodotta dall’omonima distilleria, è uno scotch whisky molto particolare. La sua distillatura può durare anche per decenni: la tradizione qui è molto forte se pensi soltanto che una bottiglia distillata da 35 anni può superare i 500€ a bottiglia e non è possibile ordinarla online.

Quindi, a questi soldi, dovrai metterci anche i soldi del viaggio in Scozia. Un gusto che unisce il piccante al salato che produce un sapore particolare. Se sei agli inizi, ti consigliamo di passare a un altro Scotch whisky poiché è una bevanda che è stata pensata per chi ha già ‘esperienza’ in tal senso.

Non è un caso che il Talisker sia uno dei whishy preferiti da alcune celebrità locali. Uno dei motivi del suo gusto diverso è da ricercarsi per il contenuto superiore di torba – praticamente dei resti vegetali impregnati d’acqua – che ha il malto.

Johnnie Walker Black Label

È la marca di whisky più venduta in tutto il mondo e, spesso, viene ‘usato’ per primo da chi non ha mai bevuto whisky in vita sua. Questo brand ha lo stesso nome del suo fondatore che, nell’800, fece della sua passione un lavoro.

La caratteristica è la grande varietà di bottiglie, tanto è vero che c’è chi dice che fu proprio grazie a questo brand che il whisky diventò una bevanda di massa.

Oggi in commercio ci sono più di 5 bottiglie speciali che ne fanno un vero e proprio cult. Non a caso, infatti, sono molto ambiti dai collezionisti.

Una fama che si trascina fino ai giorni nostri.