Screening sierologico ad Ariano Irpino, 60 casi positivi

0
De Luca accusa, Contributo fitti COVID-19, Screening Sierologico
Vincenzo De Luca, Fonte Wikipedia

Ieri si è concluso lo screening sierologico nella città di Ariano Irpino. I risultati sono abbastanza incoraggianti.

IL PIÙ GRANDE SCREENING ITALIANO – Quanto avvenuto nel comune campano è un evento molto importante. Si tratta del più esteso screening attuato in Italia. Un passo avanti nella tecnologia tramite questo innovativo approccio epidemiologico molecolare. Uno studio unico nel suo genere che ha permesso di individuare 650 casi positivi alla ricerca corporale su una buona parte della popolazione, 13.444 test svolti su 17.823 residenti.

Il passo successivo è stato quello di verificare la positività di ogni singolo caso attraverso tamponi naso faringeo. Dei 650 abitanti solo 60 sono risultati davvero infetti e di conseguenza isolati, come da protocollo. Un numero pari al 0,44% dei cittadini sottoposti a questo grande screening sierologico.

DE LUCA SODDISFATTO – Le dichiarazioni di Vincenzo De Luca a riguardo sono piuttosto positive. Il presidente della Regione Campana infatti elogia l’importanza di questa sofisticata tecnologia. «Tutto questo rivela lo straordinario investimento fatto su Ariano, perché soltanto questo screening di massa consente di spegnere per sempre il focolaio di Ariano e di garantire la tutela della salute e la serenità di vita per tutta la popolazione – continua affermando che – Metteremo altresì a disposizione di tutti una banca del siero per curare in caso di necessità nel prossimo futuro pazienti che dovessero trovarsi in condizioni gravi. Anche di altri territori».

«Ringrazio per il grandissimo senso di responsabilità dimostrato tutti i cittadini di Ariano che hanno dato prova davvero di grande spirito civico. Tanto più da apprezzare in quanto si è verificato che in altre parti d’Italia non vi è stata la disponibilità mostrata invece in una misura eccezionale dai nostri concittadini di Ariano».