Seconda ondata in arrivo, lo conferma il virologo Crisanti

0
La terza ondata, Coprifuoco anticipato, Scenario 4, Aumento dei ricoveri, 8 eruzioni cutanee, Franco Bonaguro, Report settimanale del Ministero della Salute, Agostino Miozzo, Forte numero asintomatici, La preoccupazione del CTS, Contagi in Campania, Ascierto ribadisce l'invito, Paolo Ascierto contrariato, Virus mai andato via, Immunità COVID, intervista del consigliere Ricciardi, Seconda ondata in arrivo, Emozione al Cotugno, Possibile seconda ondata in autunno, Margarita Del Val, Rialzamento della curva dei contagiContagi a livello globale
Virus, Fonte Pixabay, Autore Mattthewafflecat

Il COVID-19 è davvero sconfitto? La vittoria dell’umanità è “totale”? Assolutamente no risponde, Andrea Crisanti. Anzi una seconda ondata è in arrivo, questo è poco ma sicuro.

L’INTERVISTA – Durante un’intervista per il “Corriere Veneto”, Crisanti, virologo di professione, lancia severe accuse a chi prende la situazione attuale alla leggera. I cittadini inconsci del pericolo ancora presente che, pur di dar “fiato alla bocca”, affermano che il virus non possa più infettare nessuno. Ecco la risposta dell’esperto a tali affermazioni: «Chi dice che il Coronavirus non infetti più, non sa quello che dice. L’infettività va misurata sperimentalmente sull’uomo e non c’è nessuna possibilità di farlo. Non esiste nemmeno nessun modello animale per fare esperimenti, senza numeri non c’è scienza, ma sono solo chiacchiere. Con le riaperture esiste una possibilità di una seconda ondata, anzi direi che è una certezza».

Il virologo continua la sua dichiarazione delineando la forte problematica degli asintomatici, in quanto potrebbero essere più infettivi degli altri. «La carica virale è diminuita soltanto perché sono state prese delle precauzioni. Secondo i test fatti in Veneto gli asintomatici possono ancora infettare, in alcune malattie come varicella o tubercolosi, gli asintomatici sono più infettivi di chi non presenta sintomi».

PRECAUZIONI NECESSARIE – Crisanti non è il primo virologo a preannunciare l’arrivo di una seconda ondata, il grande ritorno dell’incubo in parte concluso. Sebbene eravamo confidenti nella nostra capacità di tenere a bada il virus, non abbiamo tenuto conto delle persone incaute.

Le stesse persone che passeggiano nel loro quartiere, nella loro città, senza portare né guanti né mascherina. Purtroppo se non tutti seguiranno le precauzioni necessarie, il virus di certo continuerà a circolare.