“Semplifica”: uno slogan per vivere sereni, parola di Virginio

0
semplifica

Quando la vita si complica, tu semplifica. Tutte le volte in cui sei all’angolo, amplifica. Così recitano i versi del nuovo singolo, “Semplifica” di Virginio Simonelli (33 anni), cantautore romano di Fondi tornato con un progetto musicale ricco di suoni e leggerezza. virginio

Un percorso artistico, quello di Virginio, partito parecchi anni fa e che lo ha visto affrontare il palco dell’Ariston nel 2006 con “Davvero”, quello del talent di Maria De Filippi vinto nel 2011 con il brano “Ad occhi chiusi” per poi, approdare all’amicizia profonda con Laura Pausini con la quale ha scritto brani diventati successi mondiali. Ricordiamo: “Limpido” (in duetto con Kylie Minogue), “Dove resto solo io” fino all’ultimo singolo della cantante romagnola “E.S.T.A.T.E”. Nel frattempo, due album all’attivo e tante canzoni donate ad altri artisti affermati ma anche a giovani promesse tra le quali spicca l’ultima allieva di Amici, Carmen Ferreri (seconda nell’ultima edizione dietro al vincitore Irama) che ha scelto “Tra le mani” come singolo estivo. Un brano intenso, con parole non banali e allo stesso tempo non facili da raccontare per un ragazza di soli 19 anni eppure la scrittura e l’arrangiamento funzionano, essendo di qualità.

virginio

Ritornando a Semplifica, si potrebbe descrivere la canzone come un vero e proprio slogan per vivere sereni con se stessi e con gli altri. Accettare la vita, con i suoi lati positivi e negativi, credere fino in fondo in ciò che si fa perchè se la si sta facendo un motivo c’è e non vale la pena buttare via tutto quando le cose non girano. Un aggettivo corretto per il brano è sicuramente leggero poichè non vi è nulla di più vero e bello che la spensieratezza del proprio animo quando si è trovato l’equilibrio e il proprio cammino da seguire, nel mondo. Virginio lo dimostra nel momento in cui pronuncia queste parole:

Quella sensazione di aspettare 
un attimo soltanto prima di lasciarsi andare 
un altro viaggio, una canzone nuova 
non può sostituire il fatto che mi manchi ancora 
e tutto questo inutile pensare 
non serve a niente se non continuare a farsi male 
e quella voglia di guardare avanti 
di togliere il coltello che tenevo in mezzo ai denti