Sense8: Brian J. Smith parla della cancellazione

Brian J. Smith rivela il motivo per cui la serie non è stata rinnovata.

0

Sono passati circa tre giorni da quando Netflix ha deciso di cancellare definitivamente Sense8. I fan sono ancora sconvolti e tra petizioni e tweet arriva il vero motivo per cui lo show non è stato rinnovato.

Durante un’intervista con la CNBC, il fondatore della piattaforma aveva dichiarato tutt’altro: “Attualmente, siamo davvero in un periodo fortunato ed abbiamo cancellato pochissimi show, ma sto spingendo chi si occupa dei nostri contenuti a fare il contrario. Dobbiamo prenderci più rischi, dobbiamo fare cose più pazze. Il nostro tasso di cancellazione deve salire tanto! Abbiamo avuto grandi soddisfazioni da show da cui non ci aspettavamo nulla, come 13 Reasons Why. Ci ha sorpreso. Era un bello show, ma non credevamo potesse colpire così tanto gli spettatori”.

In realtà la motivazione era abbastanza scontata ma per calmare l’animo dei fan, Brian J. Smith (Will Gorski) ha deciso di rispondere ad un ragazzo su Twitter:

Il fan chiede a Brian se sia possibile fare qualcosa per cambiare la sorte dello show ma l’attore gli svela il motivo per cui è stato cancellato: la serie costava troppo e aveva poche visualizzazioni.
“State mettendo su un’incredibile battaglia. Vi sentiamo forte e chiaro e tutto è così commovente. Ma non abbastanza persone hanno guardato lo show ed è davvero costoso da produrre”.

Effettivamente le riprese effettuate in 8 paesi diversi costavano circa 7 milioni di dollari ad episodio e portarle avanti era diventato impossibile.
Le spese non venivano nemmeno recuperate poiché sempre meno persone guardavano lo show direttamente da Netflix.

Molti fan, però, sperano in un episodio di circa due ore per dare un finale dignitoso a questa fantastica serie.