Serie A, gli episodi clamorosi e dubbi della 24^ giornata di campionato

Serie A, gli episodi clamorosi e dubbi della 24^ giornata. Molti i falli non fischiati o non visti. Donadoni furioso contro il direttore di gara.

0

Serie A, tutti gli episodi dubbi della 24^ giornata

La prima partita da analizzare Napoli-Genoa.

Due gli episodi in particolare da prendere in considerazione: durante il primo tempo Giaccherini scatta in posizione regolare perché la palla arriva da un tocco di Burdisso che la colpisce di testa, Giaccherini viene atterrato fallosamente ma il gioco prosegue. Intervento punibile con il cartellino giallo ma difatti l’arbitro si concentra sul vantaggio.
Su Hamsik il gioco si interrompe per un presunto fallo di Rigoni sullo stesso attaccante. L’arbitro legge erroneamente la caduta di Hamsik come una trattenuta. Il giocatore stava, però, eseguendo un tentativo in rovesciata perciò la lettura è sbagliata.

Inter-Empoli: i nerazzurri reclamano un rigore per un fallo su Eder.

Per quanto riguarda Inter-Empoli l’episodio da prendere in considerazione il fallo su Eder da parte di Dioussé. Il giocatore dell’Empoli tocca Eder da dietro sia con la mano che con il piede facendogli perdere l’equilibrio. Il fallo viene letto come una scivolata regolare sul pallone ma l’Inter reclama il rigore. Del tutto fuori discussione il tocco di Miranda, totalmente involontario.

Crotone-Roma: proteste del Crotone al termine del primo tempo per una punizione dal limite.

Match costellato di dubbi da parte di arbitri e assistenti. Russo decide di concedere un rigore alla roma molto dubbio, ma su quello più evidente tra Dussenne e Dzeko, lascia proseguire. Il fallo è netto tanto da essere sufficiente per un cartellino giallo.

Solo su suggerimento di Massa Russo punisce Ferrari per aver toccato fallosamente Salah. Il guardalinee Alassio a 17 minuti dall’inizio segnala erroneamente un fuorigioco di Falcinelli. Il giocatore, accortosi di essere in fuorigioco decide di lasciare la palla, ma il gioco viene interrotto per via della segnalazione costringendo l’arbitro a far riprendere l’azione.

Un fallo dal limite in favore del Crotone. Sul punto di iniziare l’azione l’arbitro fischia la fine del primo tempo. L’arbitro è obbligato a far proseguire la partita oltre i tempi preposti solo se si deve battere un rigore.

Ultimo episodio il gol annullato al Crotone. Szceszny viene sorpreso da Falcinelli che segna la rete. Il giocatore era in fuorigioco al momento in cui tocca la palla per tentare il tiro. Ottima segnalazione degli assistenti e decisione rapida dell’arbitro che non ha dubbi.

Cagliari-Juventus: gol regolare di Higuain e giusta l’espulsione di Barella

Un episodio in particolare cattura l’attenzione, il sospetto gol irregolare di Higuain. Irregolare perché sembra che l’attaccante della Juventus scatti in fuorigioco sul passaggio di Marchisio. Difatto il fuorigioco non c’è e l’assistente valuta molto bene prima di lasciar proseguire. Il gol è del tutto regolare perché Higuain si trova appena dietro la gamba di Pisacane, ultimo uomo, ma il braccio che si trova oltre la linea non è contemplato nella regola del fuorigioco (regola 11). Il gioco prosegue e si concretizza per la Juventus.

Secondo episodio, l’espulsione di Barella. In questo caso l’arbitro non poteva fare altrimenti. L’intervento di Barella viene punito non con un’espulsione diretta ma con una seconda ammonizione. Già nel corso del primo tempo Barella commette ben 4 falli simili ma per i primi tre l’arbitro vede ma lasca proseguire, ma al quarto lo sanziona con un giallo.

Sampdoria-Bologna: il Var si rende necessario.

Il Bologna beffato da un rigore per la Sampdoria, l’arbitro Fabbri riceve una segnalazione dal guardalinee che riferisce un fallo di mano punibile con il rigore. Il pallone toccato da Pulgar viene letto come una deviazione con il braccio. Dal replay è evidente che il pallone viene intercettato tra la parte alta del busto e l’addome da Pulgar e comunque sia il braccio è attaccato al corpo, la valutazione è errata e in questi casi la moviola in campo avrebbe dato ragione al Bologna.

Sassuolo-Chievo: dubbio sul secondo gol del Chievo

Bravo Pairetto a sanzionare con un rosso diretto il fallo di Letschert su Inglese, l’azione più che dentro l’area sembra iniziare fuori, perciò più che rigore sarebbe punizione. L’arbitro applica comunque le regole che prevedono l’assegnazione del rosso per i falli chiari da rigore

Il secondo gol sarebbe da rivedere con l’ausilio della moviola perché all’inizio dell’azione Meggiorini sembra essere un po’ oltre la linea della difesa. Il portiere riesce a respingere il tiro ma Inglese segna la rete.

Palermo-Atalanta: Simulazione o rigore per Rispoli.

Orsato punisce Rispoli per sospetta simulazione in area. In questo caso forse la caduta è troppo violenta per trattarsi di un rigore ma sta di fatto che la spinta leggera da parte di Masiello c’è e il rigore va assegnato. La discussione prosegue anche dopo che Orsato ha fischiato la fine del primo tempo.

Fiorentina-Udinese: il gol di Borja Valero è regolare, Babacar non devia la traiettoria.

L’episodio più ecclatante quello del gol di Borja Valero della Fiorentina. Il suo tiro è completamente regolare ma c’è il sospetto iniziale che Babacar cerchi di deviare la traiettoria del pallone essendo in posizione di fuorigioco. La palla non viene deviata e Karnezis non può far nulla, il gol è regolare.