Shock a Napoli: uomo impiccato nella villa comunale

0

A luogo tanto degradato quale si è ridotta, secondo i cittadini di Napoli, la Villa comunale, da oggi non può mancare il ricordo di un’altra macabra esperienza… Ore 7, un ordinario inizio settimana, molti sono già a lavoro, sullo sfondo di una delle città più belle del mondo, ma la scoperta di un uomo impiccato sui rami di un albero, in prossimità di Piazza Vittoria, sarà destinata a cambiare radicalmente la giornata (e forse la vita) di uno sventurato giardiniere… L’identità del suicida è ancora ignota, le sue origini straniere e la sua giovane età sono però confermate, mentre sono ancora in corso le rilevazioni della polizia scientifica. Sono infatti giunte sin da subito sul luogo dell’evento, una volante della polizia e dei carabinieri, già impegnate, spesso, nel controllo giornaliero della stessa Villa Reale. Assente invece, la vigilanza notturna, indice del grado di disorganizzazione e decadenza in cui versa uno dei più antichi giardini Vanvitelliani. Numerose sono stati negli ultimi anni, le associazioni, comitati e gruppi come ”CambiaMò” , ”Salviamo la Villa” e ”Sii Turista Della Tua Città”, impegnati nel denunciare gli atti di vandalismo e incuria della struttura, anche grazie alla non indifferente collaborazione dell’architetto Francesco Pane, che sovente ha richiamato all’attenzione il ministro alla Cultura, Dario Franceschini, per un rapido intervento in merito. Strettamente legata alla vicenda della Villa appare la costruzione della Linea 6, che collegherebbe Piazza Municipio (ove è già attiva la Linea 1) con Fuorigrotta, avviata ben 8 anni fa. Per quanto lunghi saranno i tempi dedicati alla realizzazione del progetto, sarebbe piuttosto antiestetico affiancare la nuova e funzionale metropolitana allo storico e deteriorato giardino.