Sienna Miller e Michelle Dockery nella serie Netflix “Anatomy of a Scandal”

0
sienna-miller-attrice
Sienna Miller. Fonte wikimedia commons

Sienna Miller e Michelle Dockery sono state scelte per la nuova serie Netflix, Anatomy of a Scandal.

Secondo Deadline le due attrici reciteranno accanto a Rupert Friend. Lo show è creato da David E. Kelley e Melissa James Gibson.

S.J Clarkson è il regista di Anatomy of a Scandal.

David E. Kelley è reduce dal successo incredibile di Big Little Lies. La serie godeva di un cast fenomenale con Nicole Kidman, Laura Dern, Reese Witherspoon e Meryl Streep tra le protagoniste.

Le riprese dovrebbero iniziare entro la fine dell’anno a Londra.

La serie sarà composta da sei episodi e girerà attorno a uno scandalo scoppiato tra l’élite britannica.

Anatomy of a Scandal è ispirato dal libro di Sarah Vaughan. Il romanzo è incentrato su un politico di Westminster il cui matrimonio entra in crisi quando viene accusato di stupro. Sophie è sicura che suo marito sia innocente mentre il pubblico ministero, Kate, è altrettanto convinta della sua colpevolezza.

Sienna Miller interpreterà Sophie Whitehouse, la moglie del politico, laureatasi ad Oxford e madre di due figli. Una donna con una vita apparentemente perfetta pronta a dissolversi. Rupert Friend interpreterà James, l’accusato. Invece Michelle Dockery assumerà il ruolo del pubblico ministero, Kate Woodcroft, un’abile avvocatessa criminale specializzata nel perseguimento di crimini sessuali. La Woodcroft si è fatta strada nel suo campo e si ritrova con l’occasione di una vita quando questo caso le si presenta.

Il resto del cast non è ancora stato annunciato.

Sienna Miller non è estranea al mondo delle miniserie.

Infatti The Loudest Voice, serie di sette puntate che la vedeva tra i protagonisti, è andata in onda nell’estate 2019 su Showtime e a dicembre 2019 in Italia su Sky ricevendo numerosi consensi. Nel cast vi erano anche Russell Crowe e Naomi Watts, entrambi candidati a premi importanti come i Golden Globe e Screen Actors Guild Awards. Russell Crowe vinse il premio come miglior attore in una miniserie ai Golden Globe del 2020.