Simone Inzaghi atteso al bivio derby, ma il sogno Milinkovic-Savic resta

0
San Siro
Stadio "Giuseppe Meazza" di San Siro. Fonte Wikipedia

Domani l’Inter si ritroverà ad affrontare una delle prime partite decisive di questa stagione sotto la guida di Simone Inzaghi. L’inizio di campionato esaltante di Milan e Napoli ha allontanato i nerazzurri dalla vetta, ma almeno il doppio successo contro lo Sheriff in Champions ha permesso alla squadra campione d’Italia di essere in piena corsa per la qualificazione agli ottavi.

Il derby che andrà in scena tra poco più di 24 ore, dunque, sarà un importante crocevia della stagione per entrambe le sponde nei Navigli: per il Milan, in caso di vittoria, significherebbe lasciare i cugini a meno dieci punti e confermare il primato; per l’Inter vorrebbe dire accorciare in classifica e portarsi a soli quattro punti dalla vetta, Napoli permettendo.

Date le immanenti questioni di campo, il calciomercato, almeno superficialmente è più trascendente. Simone Inzaghi è stato accontentato in estate e sta potendo beneficiare delle prestazione del “Tucu” Correa. Ma il suo sogno è un altro, di più difficile portata.

L’ex allenatore della Lazio sogna di “soffiare” alla sua ex squadra uno dei suoi pupilli ovvero Milinkovic-Savic. Il trequartista è seguito con interesse anche dalla Juventus e ciò rende il valore del suo cartellino ancora più elevato.

Secondo molte voci di corridoio, Lotito avrebbe rifiutato delle ingenti quantità economiche provenienti dalla Premier League pur di trattenere il proprio gioiello. Staremo a vedere se l’anno prossimo Milinkovic Savic potrà salutare Formello per approdare ad Appiano Gentile o a Vinovo.