Soggiorni estivi per anziani: come gestire le ferie del caregiver

0

Molti anziani non autosufficienti sono assistiti da un caregiver, una persona che fornisce assistenza alla persona vulnerabile, ruolo che può essere assunto dai figli, da un parente o da un professionista esterno al nucleo familiare. Si tratta di una figura essenziale in diversi contesti, in quanto aiuta l’anziano in una serie di attività quotidiane che vanno dallo svolgimento delle commissioni alle passeggiate all’aria aperta, consentendo alla persona fragile di mantenere una maggiore autonomia.

Ovviamente, i servizi di caregiving sono attività stancanti dal punto di vista psicofisico, per questo motivo è essenziale prevedere dei periodi di pausa per ripristinare un adeguato benessere psicologico. Di norma coincidono con l’estate, il momento ideale per concedersi un po’ di relax o garantire le meritate ferie al caregiver professionista, tuttavia è necessario trovare una soluzione per assicurare un’adeguata assistenza al proprio caro.

In questo caso un’opzione ideale sono i soggiorni estivi per anziani, rivolgendosi a strutture specializzate per usufruire di un servizio di qualità da parte di personale qualificato. Una residenza per anziani permette di affidare il parente a dei professionisti esperti, con la certezza di trascorrere le proprie vacanze serenamente sapendo che il proprio caro sta beneficiando di cure adatte alla sua condizione di vulnerabilità.

Come scegliere una residenza per anziani per un soggiorno estivo

Una struttura estiva per anziani di qualità deve possedere gli stessi standard richiesti a una RSA o una casa di riposo in cui la persona over 65 soggiorna in modo permanente. Ad esempio, quasi tutte le strutture per anziani di Orpea Italia sono disponibili anche per l’ingresso temporaneo delle persone non autosufficienti o autosufficienti, in questo modo è possibile beneficiare di un servizio d’eccellenza nell’accoglienza e assistenza degli anziani, trovando il massimo comfort alberghiero e servizi socio-sanitari altamente qualificati.

Un struttura specializzata è in grado di fornire all’anziano un supporto a 360 gradi, dall’offerta di cure riabilitative per il recupero delle abilità funzionali, fino alla stimolazione sensoriale e alla proposta di attività specifiche per promuovere la socializzazione e aumentare il benessere psicologico. Inoltre è possibile essere certi che il proprio familiare riceverà un’assistenza medica e infermieristica professionale di prim’ordine, tutelando l’anziano in caso di problemi di salute improvvisi e peggioramenti della situazione sanitaria.

Allo stesso tempo una residenza per anziani mette a disposizione una location con spazi verdi, aree comuni per gli ospiti e strutture attrezzate per seguire terapie e processi riabilitativi, con personale formato per garantire un corretto sostegno ad ogni ospite. Scegliendo la residenza giusta anche una persona autosufficiente può trovare un ambiente rilassante e piacevole, con un servizio di ristorazione di qualità in grado di assicurare un adeguato apporto nutrizionale e il consumo di pasti gustosi e gradevoli.

Naturalmente è fondamentale scegliere una residenza adatta alle esigenze della persona anziana, cercando di individuare l’opzione migliore per offrire un servizio ottimale al proprio familiare e prendersi una pausa dagli impegni giornalieri di caregiving con tranquillità. Per farlo bisogna rivolgersi solo ed esclusivamente a strutture rinomate e aziende affidabili, visitare il centro e concedersi tutto il tempo necessario per prendere la decisione finale coinvolgendo sempre il diretto interessato.

Quali sono i vantaggi dei soggiorni estivi per anziani?

In alcuni casi il soggiorno estivo di un anziano in una residenza specializzata non rappresenta una scelta difficile, tuttavia spesso si tratta di una decisione che può provocare una serie di problematiche psicologiche. Ciò avviene soprattutto quando il caregiver è un familiare stretto della persona anziana, il quale può sentirsi in colpa per abbandonare l’assistito durante il periodo estivo e non riuscire a godersi le meritate vacanze.

Eppure è indispensabile riuscire a trovare la forza mentale per affrontare questa separazione, infatti l’esposizione a un carico di stress eccessivo può causare l’effetto contrario, deteriorando il rapporto con il proprio caro e peggiorando l’interazione quotidiana durante l’assistenza dell’anziano. Al contrario, un momento di pausa aiuta a ripristinare le energie fisiche e mentali, per sostenere con la massima passione l’impegno di supportare un’altra persona bisognosa nella vita di tutti i giorni.