Sonnifero nello yogurt, arrestato ex marito

Condannato a 10 mesi di reclusione

0

Condannato a 10 mesi di reclusione e a 10 mila euro di risarcimento, il pensionato 68 enne che nel settembre 2013 aveva cercato di avvelenare la moglie, o meglio la sua quasi ex. La coppia, infatti, viveva separata in casa e i litigi e le discussioni erano all’ordine del giorno. Fino a quel momento sembravano esserci “normali” discussioni. Ma poi arriva il gesto inaspettato: Il marito aggiunge diverse gocce di un potente sonnifero all’interno di uno yogurt. La moglie, più giovane di circa 20 anni, ricoverata in ospedale per una grave intossicazione da benzodiazepine, aveva deciso all’epoca di non denunciare l’accaduto.  Dopo aver ammesso di essere stato lui, la moglie aveva deciso di abbandonare il tetto coniugale e aveva avviato le pratiche per la separazione. Ma il grande spavento è arrivato con un sms da parte del marito: una forte minaccia racconta la donna al giudice, nel messaggio l’uomo faceva capire che non si sarebbe fermato lì, sostenendo di aver capito gli uomini che arrivavano ad uccidere le proprie donne. A incriminare l’imputato è stato il fatto che le gocce utilizzate fossero le stesse da lui utilizzate per dormire. Davanti al giudice Anna Maria Pazienza, la donna ha spiegato, inoltre, che lei non aveva mai assunto dei sonniferi o sostanze contro l’ansia a base di benzodiazepine. Proprio per questo aveva intuito che dietro ci fosse il marito, in quanto era in possesso di tali sostanze. Circostanza, questa, che è stata confermata nel corso del procedimento anche da altri testimoni, amici e conoscenti della coppia.