Spaghetti al sugo di moscardini

0

Oggi è una bella giornata primaverile, e mi tocca star a casa…
Siccome sono ancora influenzata la mia amata sorellina , ( che ama pulire i moscardini) ha cucinato leiiii,😍
È un piatto molto semplice da realizzare, dal gusto semplicemente squisito, si preparano anche in breve tempo, e soprattutto è una ricetta da realizzare sia con i moscardini freschi che con quelli surgelati.
Ma scopriamo un po’ in più questo famoso ingrediente, che rende tutto più gustoso, che in molti lo confondono con il polpo…

Ma non è così, poiché presenta una testa più piccola del corpo con occhi sporgenti.

Gli otto tentacoli hanno una sola fila di ventose.

Inoltre i moscardini sono color grigio-bruno con macchie nere; hanno una minor capacità di mimetismo rispetto al polpo e risultano quindi più facili da avvistare.
Sappiamo che il moscardino può essere cucinato in tanti modi, quelli più piccoli sono ottimi fritti, gli esemplari più grossi rappresentano un ingrediente di élite per zuppe rosse e stufati misti di pesce, e inoltre si presta notevolmente alle insalate fredde di mare.
Il moscardino è un prodotto della pesca molto più economico del polpo nostrano e costituisce un ottima fonte alimentare nel periodo specifico di pesca.
Noi oggi lo cuciniamo con questi ingredienti:
*500 g di moscardini freschi o surgelati
*1 spicchio d’ aglio
*20-25 pomodorini del o due barattoli di pomodori pelati
*3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
*320 g di spaghetti
*sale q.b.
*1 manciatadi olive nere

Preparazione:

Iniziate lavando i moscardini se sono freschi pulendoli per bene, ovviamente se sono surgelati e già puliti questo passaggio lo sostituite con lo scongelare gli stessi sotto un getto di acqua corrente per qualche istante.
Ora in una pentola dal fondo pesante fate imbiondire l’aglio nell’olio, una volta che sarà dorato unite i moscardini.
Fate insaporire e unite i pelati, adesso regolate di sale e proseguite la cottura, per almeno una mezz’ora.
Mi raccomando ogni tanto controllate i moscardini, girandoli e con una forchetta saggiando la loro cottura, devono risultare teneri fin quasi a rompersi.
Inoltre se il sughetto di cottura fosse troppo ristretto diluitelo con un bicchiere di acqua.
Ora potete aggiungere anche le olive insaporendo ancora di più il piatto.

Nel frattempo cuocete gli spaghetti in abbondante acqua bollente e salata.
Mi raccomando colateli al dente e conditeli con il sugo dei moscardini, profumando con una macinata di pepe se lo gradite.
Serviteli ben caldi.
Buon appetito a tutti