Spalletti-Napoli, c’è la firma! Ufficiale l’accordo biennale per l’ex Inter e Roma

Spalletti dice sì al Napoli e succede a Gattuso sulla panchina azzurra. La firma del toscano arriva nella notte di venerdì. Accordo biennale con opzione per il terzo anno.

0
Luciano Spalletti fonte foto: Di Football.ua, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18194766
Luciano Spalletti fonte foto: Di Football.ua, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18194766

Luciano Spalletti è il nuovo allenatore del Napoli. Nella tarda serata di ieri il tecnico ha firmato l’accordo che lo legherà agli azzurri per le prossime due stagioni. Dopo l’addio di Gattuso e l’idea Inzaghi svanita dopo il blitz interista delle ultime ore, i partenopei hanno deciso di virare con maggior vigore sul toscano. La trattativa si è conclusa ieri con la definizione degli ultimi dettagli legati allo staff che accompagnerà l’ex Inter e Roma nella nuova avventura campana.

Dopo l’accordo di massima sulla durata del contratto (due anni con opzione sul terzo) e l’ingaggio a salire da 2,7 milioni di euro per il primo anno e 2,8 per il secondo, era stato il nodo legato allo staff a ritardare la firma di Spalletti sul documento che lo avrebbe legato al Napoli del post Gattuso. L’allenatore infatti avrebbe voluto inserire anche David Pizarro tra i suoi già numerosi assistenti. Ipotesi mal digerita dai manager azzurri.

L’intesa aveva dunque subito un brutta battuta d’arresto proprio perché, come riportava il Corriere del MezzogiornoLa parte più spinosa riguarda lo staff ma sembra che l’accordo verrà comunque raggiunto. Dovrebbe accompagnare Spalletti il suo vice Domenichini. Tra i collaboratori tecnici ci saranno Baldini e forse anche Pane“.

Nella sera poi la svolta e l’ufficialità del nuovo allenatore stamattina attraverso un tweet dello stesso presidente De Laurentiis. “Sono lieto di comunicare che Luciano Spalletti sarà il nuovo allenatore del Napoli a partire dal prossimo 1 luglio. Benvenuto Luciano, insieme faremo un grande lavoro“, le parole del produttore cinematografico affidate ai social.

Spalletti torna ad allenare a due anni di distanza dall’addio all’Inter e un periodo sabbatico che ha sicuramente accresciuto la sua voglia di mettersi in gioco e riprendersi sonore soddisfazioni. L’ipotesi di accordo con Conceiçao era caduta sotto le dichiarazioni di ADL che a gran voce ripeteva: “Voglio un allenatore italiano!“. Medesima sorte anche per Sarri (che vorrebbe allenare all’estero) e Juric, ritenuto ancora troppo acerbo per il Napoli.