Spezie: le nuove alleate per la salute dell’uomo

0

Il termine “spezie” deriva dal latino “species” e indica una merce speciale, di valore, che si differenzia dalla merce ordinaria. Alcune spezie sono ricche di proprietà benefiche in grado di rafforzare il nostro sistema immunitario e di regolare i livelli del colesterolo e degli zuccheri nel sangue. Inoltre essendo ricche di vitamine e sali minerali, aiutano a ridurre la quantità di grassi e sali usati in cucina.

In passato, spezie ed erbe aromatiche erano riservate alle tavole di re e imperatori, ed erano utilizzate soprattutto per preservare alimenti e prolungare la freschezza dei cibi con lo scopo d’impedire il proliferare della flora batterica (ad esempio il pepe nel salame) o di mascherare sapori e odori di cibi non freschi. Mentre oggi sono indispensabili per dare gusto e profumo ai piatti poiché ne esaltano i sapori e, in molti casi, permettono di ridurne i condimenti e l’apporto di sale: ovviamente quelle consumate crude, rispetto a quelle consumate in polveri, sono molto più aromatiche.

È quindi fin dall’antichità che le spezie sono state conosciute ed usate, non solo per conferire sapore ai cibi ma anche per rendere efficaci e più gradevoli i medicamenti. Poi con l’avvento della medicina moderna, l’uso di questi rimedi è stato accantonato, ma oggi, come una volta, le spezie, in modo semplice e privo di effetti collaterali, possono essere davvero di grande aiuto all’uomo. Il loro uso è molto diffuso in Africa e in Asia. In India, ad esempio, nelle famiglie che vivono nelle zone rurali, le madri curano ancora, con fiducia e successo, i propri bambini con preparati a base di spezie.

Tra le spezie più benefiche per la salute dell’uomo, ci sono sicuramente zenzero e curcuma, ma anche il peperoncino, i chiodi di garofano e la cannella sono ottimi alleati della nostra salute.

Zenzero
Zenzero

Lo zenzero favorisce la digestione ed aiuta l’organismo a depurarsi, oltre ad essere perfetto per la preparazione di tisane da assumere per la cura e la prevenzione di mal di gola, raffreddore e influenza. Studi scientifici ne hanno dimostrato l’efficacia anche come antidolorifico in caso di artrite.

Curcuma
Curcuma

La curcuma è utile invece per la prevenzione del diabete di tipo 2 (come è stato messo in luce da alcuni recenti studi) e per proteggere l’organismo dalle infezioni. Ma ha anche proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche e antiossidanti.

Peperoncino
Peperoncino

Il peperoncino stimola il metabolismo e la digestione e ha effetti benefici soprattutto depurativi. Un pò di peperoncino può contribuire inoltre a favorire la circolazione sanguigna e a tenere sotto controllo i livelli degli zuccheri nel sangue.

Chiodi di garofano
Chiodi di garofano

I chiodi di garofano sono ritenuti benefici dalla medicina naturale per alleviare i dolori legati all’artrite.

Cannella
Cannella

E un’altra spezia che regola gli zuccheri nel sangue, e riduce i dolori causati dall’artrite è la cannella, che migliora anche la memoria, oltre ad essere un alleato prezioso contro il raffreddore e il mal di gola.