Storia degli Europei: i record individuali

Rispolveriamo insieme le curiosità del campionato europeo di calcio: questa volta daremo un'occhiata ai giocatori e ai tecnici che hanno lasciato il segno nella competizione con un record.

0

Mancano ormai davvero pochi mesi per goderci gli Europei di calcio che inizieranno a giugno in Francia. Si tratta della sedicesima edizione di questa manifestazione calcistica che mette di fronte le nazionali europee: è allora bene arrivarci preparati, sapendo quali giocatori hanno fatto la fortuna sportiva delle proprie nazioni conseguendo un record ancora imbattuto nella fase finale del torneo.

 

CAPOCANNONIERI

Quale calciatore ha segnato più gol nella fase finale degli Europei? Michel Platini è il capocannoniere storico della manifestazione, avendo segnato nove reti per la Francia in cinque presenze con la sua nazionale nel 1984. Ciò gli consente anche di poter detenere la media gol più elevata, pari a quasi due reti ogni partita giocata. Al campione francese seguono: Alan Shearer, che con la maglia dell’Inghilterra ha segnato sette reti in nove presenze, e Ruud van Nistelrooy, autore di sei gol in otto partite. In questa classifica compaiono anche giocatori come Ibrahimovic e Cristiano Ronaldo (ma prima ci sono Patrick Kluivert e Thierry Henry), che tuttavia hanno segnato “solo” sei reti rispettivamente in dieci e quattordici presenze collezionate. Da notare che Platini detiene anche il record di maggiori marcature in partite consecutive, essendo andato in gol per cinque partite di fila.

 

PRESENZE E VITTORIE

Vestire la maglia della propria nazionale dev’essere sempre qualcosa che comporta orgoglio e prestigio. Ci sono però dei calciatori che sono riusciti a partecipare agli Europei in varie occasioni, risultando così anche quelli con maggiori presenze in questa competizione. Attualmente non c’è un unico giocatore ad avere disputato più edizioni degli Europei, ma ben otto: Lothar Matthäus, Peter Schmeichel, Aron Winter, Lilian Thuram, Edwin van der Sar, Olf Mellberg, Alessandro Del Piero e Iker Casillas. Tutti quest calciatori sono riusciti infatti a disputare quattro edizioni degli Europei con la propria nazionale. Per quanto riguarda invece il numero di partite giocate, il record spetta a van der Sar e Thuram, i quali hanno disputato sedici partite con Olanda e Francia.

 

ETA’

Il giocatore più giovane ad aver disputato una fase finale degli Europei è stato Jetro Willems, che ha giocato da titolare con la maglia dell’Olanda nel 2012 contro la Danimarca a soli diciotto anni e settantuno giorni. Di contro, il record di calciatore più anziano spetta a Matthäus, che ha preso parte ad Euro 2000 con la Germania alla veneranda età di trentanove anni e novantuno giorni. Il titolo di campione d’Europa più giovane nella storia del torneo spetta invece a Cesc Fabregas, che ha vinto con la Spagna in finale con la Germania nel 2008 a soltanto ventun anni.

 

GOL PIU’ VELOCE

Il record per aver segnato la rete più veloce agli Europei spetta ad Alessandro Altobelli e a Juan Manuel Mata, i quali hanno trovato il gol dopo appena un minuto dal loro ingresso in campo. Se invece non si considera il gol a sostituzione avvenuta, il record spetta al russo Dmitrij Kiricenko, che ha segnato per la Russia dopo appena due minuti di gioco nel match contro la Grecia risalente agli Europei del 2004.

 

IMBATTIBILITA’ TRA I PALI

A detenere il record di imbattibilità fra i pali è Iker Casillas, che ad Euro 2012 ha mantenuto la porta inviolata per ben 509 minuti di gioco, subendo un solo gol per tutta la fase finale della competizione. Dal punto di vista delle reti subite, solo pochi altri tra cui Dino Zoff e Gordon Banks sono riusciti ad eguagliare questo record (Zoff per ben due volte, sia agli Europei del 1968 sia a quelli del 1980).

 

RECORD DA ALLENATORE

Il maggior numero di partite sulla panchina di una nazionale agli Europei spetta ai tecnici tedeschi Berti Vogts e Joachim Löw, che hanno guidato la Germania per 11 partite consecutive. Ad oggi non esistono allenatori che hanno vinto ripetutamente il torneo, mentre in molti sono ovviamente fermi a quota una vittoria. Berti Vogts si distingue però perché, oltre ad aver condotto da tecnico la Germania ad alzare la coppa di Euro 1996, è riuscito anche a vincere un Europeo da calciatore nel 1972 con la Germania Ovest.