SuperCoppa Europea, Il Real Madrid “alza” il primo trofeo della stagione

0

Il Real Madrid di Zidane vince ai tempi supplementari contro un Siviglia che termina la gara in 10 uomini. La partita si apre con un grandissimo goal di Asensio, al 41′ il Siviglia pareggia con il neo acquisto Vazquez. Al 71’ Siviglia di nuovo in Vantaggio con Konoplyanka. Ma al 119′ Carvajal chiude la partita

Al Lerkendal Stadion il Real Madrid e il Siviglia si contendono la SuperCoppa Europea 2016. I “Blancos” di Zidane scendono in campo con: Casilla; Carvajal, Varane, Ramos, Marcelo; Kovacic, Casemiro, ISCO, Lucas, Morata, Asensio. Mentre i vincitori delle ultime tre edizioni dell’Europa League cercherà con questo undici di contrastare i “campioni d’Europa”: Rico; Kolodiziejczak, Carrico, Pareja, Vázquez, Iborra, Kiyotake; N’Zonzi; Vitolo, Vietto, Mariano.

Già nei primi minuti si vede una partita aggressiva da parte del Real Madrid: infatti Morata commette un fallo brusco nei confronti di un’avversario. L’arbitro è costretto affermare il gioco. Ma i campioni d’Europa in carica provano a mettere da subito in difficoltà il Siviglia, prima con ISCO e Carvajal poi, ma la difesa biancorossa riesce a “liberare”. I primi 20’ minuti è completamente un dominio Real, infatti al 21’ Marco Asensio realizza un goal da “cecchino”, il portiere avversario non può far altro che guardare il pallone che si infila all’incrocio. Nei minuti successivi il Siviglia prova a “reagire” allo svantaggio. Ma sia Mariano che Daniel Carrico trovano un Casilla “attento”. Al 39’ Victor Vitolo è il primo ammonito della gara. Al 41’ Franco Vazquez realizza il goal del pareggio, mandando il pallone alla destra di Casilla. Negli ultimi minuti di gara Isco salta e incorna da una distanza ravvicinata. Ma il colpo di testa viene parato da un ottimo Sergio Rico. Il primo tempo termina sul punteggio di 1-1.

Nei primi minuti della ripresa c’è un primo cambio per il Siviglia: Entra Rami, esce Daniel Carrico.  Al 52’ Marco Asensio “lancia” in porta un compagno ma il suo passaggio da fuori area viene raccolto dalla difesa. Ma l’arbitro concede il corner per i “Blancos”. Al 54’ la difesa dei “Rojiblancos” riesce a “sventrare” una minaccia del Real mettendo in calcio d’angolo.  Al 59’ il Siviglia cerca di essere pericolosa con Iborra, ma la difesa “Madrilena” è attenta. Da un’ennesima azione del Siviglia, Pareja prova dalla distanza, ma il tiro è troppo alto per “impensierire” Casilla. Al 62’ Zidane decide di giocarsi il primo cambio: entra Benzema, il quale prende il posto di un Morato un’po’ “sottotono” in questa partita. Tra il 66’ e il 67’ entrambi gli allenatori decidono di fare un secondo cambio: nel Real esce Isco, entra Modric; mentre nel Siviglia Konoplyanka prenderà il posto di Vietto. Al 71’ l’arbitro (su segnalazione del guardalinee) concede un calcio di rigore per “un’ingenuità” di Ramos: Evgen Konoplyanka realizza su rigore il goal del “momentaneo” vantaggio del Siviglia. Ancora una sostituzione in entrambe le squadre tra il 73’ e 74’: entrano James Rodriguez per Kovacic (Real Madrid); Iborra lascia il posto a Kranevitter (Siviglia).  Nei ultimi minuti il Real cerca disperatamente di riuscire a segnare per cercare di portare la partita ai supplementari. Ci riesce con il “solito” Sergio Ramos. La “sfida” non è ancora finita, saranno i supplementari o i calci di rigore a decidere chi dovrà alzare in cielo il trofeo.

Il 1° supplementare si apre subito con l’arbitro che manda “fuori” (per doppia ammonizione) Kolodziejczak. Ora il Real Madrid ne può approfittare dato che ha l’uomo in più. Al 98’ minuto Ramos va in goal (ma viene annullato per un “presunto” fallo dello stesso difensore in area). Nel secondo supplementare il Real riesce a “dominare” la partita, ma non riesce a “terminarla” , nonostante gli uomini di Sampaoli siano in grande “difficoltà”. Ma al 119′ si spengono le “speranze” per il Siviglia di arrivare perlomeno ai rigori: Carvajal segna il goal del 3-2.

Per il Siviglia è una “maledizione” visto che è la terza volta consecutiva che si vede “sfumare” la Supercoppa; Mentre il Real “alza” al cielo l’ennesimo trofeo Europeo. Comunque sia in Europa continua un “dominio” tutto Spagnolo che oramai dura da diversi anni.