SuperCoppa di Spagna, CR7 squalificato 5 giornate. Il Real Madrid è pronta al ricorso

0
fonte foto facebook

Domenica scorsa il Real Madrid si è aggiudicato il primo incontro di SuperCoppa di Spagna vincendo per 3-1 sul Barcellona grazie una autorete dello spagnolo Piquè, poi l’argentino Messi pareggia i conti su rigore ma alla fine il Barça deve arrendersi sotto i colpi del portoghese Cristiano Ronaldo e dello spagnolo Asensio. Proprio CR7 durante lo svolgimento della partita si fa espellere dall’arbitro perché quest’ultimo afferma che l’ex Manchester United ha “simulato” la caduta. Il campione portoghese vedendosi “sbandierato” il cartellino rosso (per doppia ammonizione) in faccia spinge lo stesso direttore di gara per proteste. Proprio questo gesto è stato giudicato proprio diverse ore fa e da cui ha portato ad una squalifica di 5 giornate (1 giornata per l’espulsione e 4 per la spinta all’arbitro). Quindi Cr7 non sarà convocato da Zidane per la seconda e ultima fase della SuperCoppa di Spagna in programma il prossimo mercoledì al Santiago Bernabeu; lo stesso giocatore non potrà neanche disputare le prime giornate di campionato contro Deportivo, Valencia, Levante e Real Sociedad.

dopo essere venuto a conoscenza della sentenza, il club di Florentino Perez non ha gradito la decisione presa dalla Federazione Spagnola tanto che stanno preparando un ricorso da presentare nei prossimi giorni. Agli stessi “Blancos” non è andato giù nemmeno la decisione di Burgos Bengoetxea (questo è il nome dell’arbitro che ieri al Camp Nou ha diretto la gara tra Barcellona e Real Madrid) di concedere il rigore ai Blaugrana per un presunto fallo di Navas sull’uruguaiano Suarez “Queste cose si ripetono ogni volta che giochiamo, ma quello che è successo stasera non ha paragoni, supera tutti i precedenti” queste sono state le parole di un esponente molto vicino al club madrileno e raccolte dallo stesso quotidiano spagnolo “Marca”. Zidane e co. sperano che dopo il ricorso che presenteranno uno dei loro “pezzi da novanta” potrà essere “graziato” magari togliedogli la seconda ammonizione al campione d’Europa in carica visto che non era necessario ammonirlo per la seconda volta dato che Umtiti durante la marcatura su di lui ha sfiorato il portoghese e da qui è nata la presunta “simulazione” dello stesso. Se questa ipotesi si concretizzasse, C. Ronaldo potrà scendere in campo per concludere la “pratica” Barcellona al ritorno per alzare il secondo trofeo della nuova stagione dopo aver conquistato la SuperCoppa Europera soltanto diverse settimane fa contro il Manchester United.

Sull’accaduto è intervenuto anche il tecnico del Real Madrid Zinedine Zidane il quale ha commentato così sulla squalifica inflitta al campione Portoghese “Sono molto arrabbiato, siamo arrabbiati. Non voglio parlare degli arbitri ma se vedo quello che è successo e poi cinque giornate a Cristiano… C’è qualcosa che non va. È troppo”. Poi lo stesso tecnico francese parla del ritorno in casa “al ritorno dobbiamo giocarla e dobbiamo farlo molto bene. Il Barcellona è una squadra buona può metterti in difficoltà in qualunque momento. Noi dobbiamo pensare a fare una bella partita. Di sicuro non ci rilasseremo. Ci aspetta una gara difficile non solo di gambe”.

A protestare però non sarà solo la società del Real Madrid ma anche gli stessi tifosi dei “galacticos”: infatti gli stessi tifosi hanno annunciato che al ritorno in casa al minuto 7 prepareranno una grande protesta facendo sventolare dei lunghi fazzoletti bianchi, la cosiddetta “panolada” per protestare contro i torti arbitrali subiti nel primo round di SuperCoppa. È chiaro che non sarà assolutamente una passeggiata il ritorno sopratutto sugli appalti il quale si preannunciano 90′ minuti di fuoco sia da una parte sia dall”altra. Questa volta a provare a calmare le acque provando a far filare tutto liscio sarà l’arbitro josé Maria Sanchez Martine anche se ormai si sá che quando questi due top club spagnoli si sfidano il match non è mai facile da gestire per nessun giudice di gara e i motivi sono molteplici. Staremo a vedere se invece lo stesso giudice di gara riuscirà a far mantenere la calma per tutto l’arco della partita…