Tanti in fuga dalla Superliga cinese: l’Inter vigila e studia il colpo a sorpresa

0
Oscar
Oscar, ex fantasista del Chelsea ora allo Shangay Dongya. Fonte WIkipedia

Il coronavirus continua a mietere vittime in Cina tanto che la Lega ha deciso di bloccare il prossimo campionato che sarebbe dovuto partire il 22 febbraio prossimo. La minaccia di una pandemia è reale e così i tanti club della prima potenza economica mondiale hanno deciso per la serrata ad oltranza con buona pace di giocatori e sponsor. La preoccupazione è talmente dilagante che in alcuni casi ci si è spinti all’estremo ricorrendo, cioè, alla risoluzione contrattuale dei tanti calciatori impegnati nella Chinese Super League. Situazione, questa che potrebbe presto rimescolare le carte e offrire nuove possibilità di mercato sopratutto in Europa.

Nomi caldissimi per un mercato tutto da inventare

I nomi che potrebbero presto ritornare sulla cresta dell’onda non sono certamente di secondo piano. Si va dai brasiliani: Paulinho (ex Barcellona e Tottenham), Oscar (Chelsea)e Hulk (Zenit St. Pietroburgo) al belga Marouane Fellaini fino a finire con vecchie conoscenze del calcio tricolore.

La banda di italiani o ex giocatori di Serie A non è sicuramente esigua e in tanti potrebbero ancora dire la loro ritornando a giocare nel Vecchio Continente. Basti pensare a Marek Hamsik che, alla soglia dei 32 anni, potrebbe tornare a ricoprire un ruolo di tutto rispetto in Italia come all’estero. Altro discorso per Graziano Pellè e Stefan El Shaarawy che, forse anche a torto, sono stati bollati troppo presto come non adatti al nostro calcio. In tanti potrebbero farci anche più di un semplice pensierino.

Dulcis in fundo la squadra gemella dell’Inter, vale a dire lo Jiangsu Suning club di Nanchino che divide con i nerazzurri la presidenza degli Zhang. Al momento i tesserati più interessanti sarebbero Alex Teixeira insieme agli ex Eder e Joao Miranda. Per qualcuno di loro potrebbero aprirsi le porte di Appiano, almeno per non svalutare il capitale sociale della metà cinese.

Ma i nomi finiti sul taccuino degli emissari nerazzurri non sono soltanto questi. In caso di maxi risoluzione contrattuale collettiva potrebbero arrivare sulla scrivania di Marotta anche i nomi del mediano Moussa Dembélé, dell’ala Leo Baptistao e del centravanti Sandro Wagner. Ingaggiarli gratuitamente, almeno per alcuni di questi, sarebbe davvero un gran colpo.