Tavecchio, dal vincolo al calcio femminile

0

Tavecchio: “La sentenza di Verbania non influirà sul calcio giovanile, sono tanti i modi per svincolarsi: cambio di residenza o il 108”

Mancava solo lui all’appello. Il presidente della FIGC Carlo Tavecchio in un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport ha espresso il suo parere sulla sentenza di Verbania che di fatto ha annullato il vincolo sportivo sui minorenni.

È una sentenza tra le parti, non erga omnes. Perché dovrebbe fare giurisprudenza?”, questo il pensiero di Tavecchio che poi ammette: “si può firmare con un club per un solo anno, grazie all’articolo 108 delle Noif, che ho fatto introdurre io. E si ignora pure che in caso di trasferimento di residenza il vincolo decade”.

Sui premi che vanno dati alle società chiarisce:  “Premesso che va riconosciuto alle società un modo per rientrare delle spese

Tavecchio analizza la sentenza di Verbania
Tavecchio analizza la sentenza di Verbania

che sostengono per consentire a migliaia di ragazzi di allenarsi, giocare, viaggiare, farsi le docce. Troviamo uno strumento alternativo”.

Tavecchio aveva trovato anche un accordo con l’AIC (associazione Italiana Calciatori) e il governo che consisteva: “Con Delrio e Tommasi stavamo discutendo della possibilità di consentire al compimento dei 18 anni di sfruttare una finestra temporale per scegliere se restare nella stessa società fino a 25 anni o andarsene in un’altra, e in quel caso riconoscere al club lasciato un rimborso di formazione. Eravamo a buon punto”, trattativa che poi si è arenata a causa dell’elezione del nuovo presidente della LND (Belolli)”.

La questione vincolo tocca anche il calcio femminile e sulle sue possibili riscossioni sul mondo “rosa”:  “Io non penso. I veri problemi sono altri. Sapete come la penso: i nostri club dovrebbero avere una Sezione femminile, come nel resto d’Europa. Abbiamo istituito una Commissione che ha disposto di ridurre il campionato femminile a 12 squadre, ma siamo ancora fermi a 14. Anche qui, bisogna chiedere il perché all’attuale presidente della Lnd”.