Telegram , tra silenzio e rivoluzione

0

Gli ultimi anni hanno visto il diffondersi di molte applicazioni di messaggistica istantanea con cui poter inviare foto e file audio. Tra questi regna – indubbiamente – Whatsapp , app di Jan Koum . Un posto più che discreto , invece , si è guadagnato Pavel Durov con la sua applicazione chiamata Telegram . Durov ,anarchico nato e cresciuto tra Russia ed Italia , ha creato un app di messaggistica molto più innovativa di quello che si possa pensare. Infatti, Telegram offre due tipi di chat: quella pubblica e quella segreta . Quella pubblica conserva e registra tutti i dati dei messaggi, il loro contenuto e le persone tra cui è avvenuta la conversazione . Quella segreta li nasconde – o , per meglio dire – li elimina! Molti hanno tentato di ripristinare i messaggi avvenuti in questa modalità , ma tutti hanno fallito. Proprio per questa proprietà innovativa , Telegram è la chat usata per il traffico di armi e droga. Molti capi di governo hanno chiesto all’anarchico di rivelare le conversazioni avvenute tra diversi terroristi che si accordano per ricevere armi e per mettere in piedi brutali stragi. Altra grande novità di Telegram è l’essere stata creata e sviluppata con i soldi di Durov . Quest’ultimo , infatti , ha dichiarato di non voler ricavare un guadagno , anzi si preoccupa di salvaguardare la libertà dell’applicazione. Che Durov abbia davvero sfidato i maggiori capi di governo è certo! Infatti ha detto “no” ad ogni proposta di collaborazione. In ogni caso è da riconoscere all’anarchico il meritoTelegram_logo.svg di aver creato una chat… silenziosa!